montemurlo. MALTRATTANO UN CANE CHE POI MUORE: DENUNCIATI UN VENTIQUATTRENNE E LA MOGLIE

L’animale era rinchiuso su un terrazzo senza alcuno riparo ed è morto per ipotermia. L’intervento è stato reso possibile grazie alla convenzione stipulata dal Comune con “Laboratorio verde Fare ambiente – Vigilanza Guardie zoofile ambientali”. Il sindaco Calamai:«Purtroppo in questo caso non siamo riusciti a salvare la vita all’animale ma si tratta di un servizio importante per garantire la salute e il benessere dei nostri animali»

Un cane di razza chow chow simile a quello morto per ipotermia

MONTEMURLO. Maltrattamento e abbandono di animali, lesioni: sono questi i reati penali di cui dovranno rispondere una giovane coppia di montemurlesi, un uomo e una donna di di ventiquattro anni residenti in centro a Montemurlo, denunciati dalla Polizia Municipale e dalle Guardie zoofile di “Laboratorio verde Fare ambiente” a seguito della morte del loro cane di razza chow chow. L’intervento è stato attivato grazie alla segnalazione di alcuni cittadini, che da tempo vedevano l’animale rinchiuso sul terrazzo di un appartamento senza alcun riparo, esposto al freddo pungente di questi giorni e alle intemperie.

Le Guardie zoofile quindi, si sono subito attivate e, dopo aver contattato il proprietario, sono riuscite a vedere l’animale che è apparso subito in gravi condizioni. Trasportato dal veterinario è stato accertato che il cane era in ipotermia e il mattino successivo al ricovero è deceduto. Le Guardie zoofile e la Polizia Municipale hanno quindi informato il magistrato di turno che ha autorizzato il sequestro dell’animale. Per il proprietario del cane e la moglie, convivente nell’appartamento, sono scattate le denunce penali per maltrattamento, abbandono e lesioni di animali. Il cane è poi risultato importato dalla Bulgaria e mai registrato sul territorio italiano.

«Purtroppo in questo caso non siamo riusciti a salvare la vita all’animale ma, grazie alla convenzione che abbiamo stipulato la scorsa estate con il Laboratorio Verde Fare Ambiente – Vigilanza Guardie zoofile ambientali, riusciamo a intervenire efficacemente in situazioni di non corretta gestione degli animali domestici, evitando così di arrivare a conseguenze estreme come in queste. — sottolinea il sindaco Simone Calamai — Si tratta di un servizio importante per garantire la salute e il benessere dei nostri animali e per questo ringrazio le Guardie zoofile per il loro impegno ma anche i cittadini che hanno segnalato prontamente la situazione».

Il proprietario del cane ha raccontato alle Guardie zoofile di Fare Ambiente che teneva l’animale sul terrazzo, perché, per problemi di lavoro, non riusciva a gestirlo e a portarlo fuori.

«È importante sapere che, se non ci si può prendere cura di un animale domestico come nel caso della persona denunciata, esiste un’alternativa. Basta rivolgersi alla nostra associazione che si attiverà con prontezza per trovare una sistemazione adeguata per l’animale; oppure è possibile rivolgersi al Comune. In questo modo si eviterà di arrivare a situazioni estreme come quella che ha portato al decesso dell’animale», spiega Andrea Monaco, presidente dell’associazione Laboratorio Verde Fare Ambiente — Vigilanza Guardie zoofile ambientali, che si occupa della tutela e della prevenzione dei maltrattamenti degli animali domestici, che continua: «Nonostante questa brutta storia, a Montemurlo la situazione è tranquilla. Troviamo tra i cittadini tanta collaborazione e attenzione. Il nostro compito è innanzitutto quello di sensibilizzare sui corretti comportamenti da tenere nella gestione degli animali domestici e per questo le persone ci ringraziano».

I cittadini che ipotizzano un caso di maltrattamento di animali devono far riferimento al numero telefonico delle Guardie zoofile –Fare ambiente— 3453376028 oppure della polizia municipale 0574558499.

[masi —comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email