montemurlo. RIAPERTA VIA DI CICIGNANO

Frana. Via di Cicignano nei pressi del Fosso Stregale
Frana. Via di Cicignano nei pressi del Fosso Stregale

MONTEMURLO. Il Comune di Montemurlo ha riaperto via di Cicignano, tra il fosso Stregale e villa La Petraia con senso alternato a vista.

Come si ricorderà, alcuni mesi fa il tratto di strada fu interessato da un movimento franoso che costrinse l’amministrazione a chiuderlo al traffico e a istituire una viabilità alternativa su via di Palazzina.

Una strada di collina, ma molto importante per la realtà montemurlese, perché conduce all’Rsa di Cicignano e dunque ogni giorno frequentata dai dipendenti della struttura e dai parenti degli ospiti.

Subito dopo l’accaduto, il Comune ha affidato ad un geologo un’indagine approfondita per capire l’entità del fronte franoso, studio che richiederà ancora qualche mese di osservazione per fornire dati precisi, che consentiranno all’amministrazione di poter intervenire al ripristino definitivo.

Le fratture presenti sulla carreggiata sono state “ricucite” grazie ad un riempimento provvisorio in materiale stabilizzato. La sicurezza della zona sarà sempre garantita, perché l’amministrazione comunale ha installato due estensimetri, apparecchi in grado di misurare anche i più piccoli movimenti del fronte franoso e di lanciare in tempo reale un allarme ai tecnici ed ai referenti del Comune.

Simone Calamai
Simone Calamai

«L’attenzione dell’amministrazione comunale su questa strada è sempre stata massima – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Simone Calamai –. Abbiamo deciso di riaprire via di Cicignano per migliorare la circolazione e favorire i residenti e chi ogni giorno si deve recare all’Rsa. L’attenzione per la sicurezza rimane massima, perché il monitoraggio della frana è continuo e ci permette, in caso di emergenza, di intervenire con tempestività».

I due apparecchi, infatti, sono collegati ad una centralina e a un server, che, ogni quattro ore, forniscono una relazione, anche di tipo grafico, relativa ai movimenti del terreno.

Le due apparecchiature sono state acquistate dal Comune per una spesa di circa 7mila euro e potranno essere riutilizzate nel caso si verificassero altri movimenti franosi. Infine, l’amministrazione comunale sta lavorando anche al miglioramento del bypass dell’altra frana su via di Cicignano, che si trova più a nord, poco distante dalla Rsa.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento