montemurlo. SPORTELLO ANTI-VIOLENZA, PRIMO ANNO DI ATTIVITÀ

L’Assessore Luciana Gori
L’Assessore Luciana Gori

MONTEMURLO. In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne anche il punto di ascolto anti – violenza di Montemurlo fa un bilancio della sua attività nell’ultimo anno. Lo sportello, gestito dal Centro La Nara di Prato, è stato riaperto nel novembre 2014 , grazie al finanziamento diretto del Comune di Montemurlo, ed è attivo ogni giovedì mattina dalle ore 9 alle 11 al Centro Giovani (piazza Don Milani, 3) tel. 0574-34472.

Nell’ultimo anno sono state ben 16 le donne, vittime di violenze fisiche e psicologiche, accolte dalle operatrici del Centro La Nara, per le quali sono stati attivati diversi percorsi di sostegno. Sei donne si sono avvalse della consulenza legale, tre della consulenza in ambito lavorativo, altre tre sono state seguite dai servizi sociali e per due è stato avviato un percorso di psicologia infantile e per adulti.

Particolarmente gravi i casi di due donne che sono state inviate in ospedale attraverso il canale del “Codice rosa”, un percorso di accesso al pronto soccorso riservato a tutte le vittime di violenze. In due casi, tra i più gravi, sono stati avviati contatti con la Procura della Repubblica, con i Carabinieri e la Polizia municipale.

Non mancano, però, i risultati positivi, segno che dal tunnel della sofferenza e della paura si può uscire: quattro donne hanno iniziato un percorso di separazione dal coniuge violento, tre hanno ottenuto l’allontanamento civile o penale del maltrattante e sette hanno trovato la forza di denunciare chi faceva loro violenza.

“Dal giugno di quest’anno anche la polizia municipale di Montemurlo fa parte del protocollo d’intesa sul Codice Rosa, un valore aggiunto ai servizi territoriali a sostegno delle vittime di violenza – sottolinea l’assessore alle pari opportunità, Luciana Gori –. È importante avere interlocutori preparati a capire e saper riconoscere le richieste d’aiuto nascoste in chi ha subito abusi e violenze. Il messaggio per tutte le donne e più in generale per le vittime di abusi e discriminazioni è di non rimanere in silenzio ma di denunciare”.

Proprio recentemente, il Comune di Montemurlo attraverso l’assessorato alle pari opportunità ha vinto un bando europeo, per il finanziamento di percorsi formativi contro la discriminazione di genere e contro il bullismo in vari ambiti, dalla scuola, al lavoro, allo sport.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento