montemurlo. “UNA BELLISSIMA CATENA UMANA HA SALVATO DECINE DI LIBRI”

La biblioteca Della Fonte resta chiusa alcuni giorn per permettere la isanificazione di tutti gli ambienti e verificare la sicurezza degli impianti. Il sindaco Calamai ha riunito stamani l'unità di crisi
Biblioteca alluvionata

MONTEMURLO. Il maltempo di ieri mattina ha colpito pesantemente Montemurlo. Molte le strade e le abitazioni al pian terreno allagate.

Il sindaco Simone Calamai dopo avere dichiarato lo stato di emergenza ha attivato il Coc, il centro comunale operativo di protezione civile e insieme anche la sala operativa di via Toscanini, 23 per la gestione delle richieste di soccorso.

Critica la situazione alla biblioteca comunale Bartolomeo Della Fonte. Ieri mattina verso le ore 10 un fiume di acqua e fango da via Fermi si è riversato infatti in via Bicchieraia ed ha allagato gli scantinati della biblioteca, che è stata dichiarata inagibile e riaprirà non appena saranno ripristinate le condizioni di sicurezza, dopo la verifica di tutti gli impianti.

Ad essere colpita in particolare è stata la sala video in tinaia, la saletta multimediale e la parte più antica di Villa Giamari esclusa la Limonaia.

I dipendenti della biblioteca e del settore cultura ieri hanno lavorato alacremente per tutta la mattina per mettere in salvo libri e le apparecchiature elettroniche; l’acqua ha allagato anche l’archivio comunale che si trova al pian terreno del Centro Giovani di piazza Don Milani.

Una idrovora in azione nei locali di villa Giamari

Fino a tarda notte le idrovore della Vab hanno aspirato l’acqua che ha invaso la biblioteca.

Fortunatamente i danni sono stati molto limitati. Il patrimonio di pregio della biblioteca non è stato danneggiato.

Si sono registrate solo alcune criticità nella saletta video e in una parte dell’emeroteca dove sono conservati giornali e riviste recenti, quindi non dell’archivio storico.

Per qualche giorno la biblioteca rimarrà chiusa. Serve infatti sanificare tutti gli ambienti e verificare la sicurezza degli impianti (luce – riscaldamento), che potrebbero risultare danneggiati

“Ieri – ha scritto l’assessore Antonella Baiano – una bellissima catena umana ha salvato decine e decine di libri dalla distruzione. Grazie a tutti i dipendenti comunali, ai ragazzi del servizio civile e a chi era presente per dare una mano. Mentre l’acqua saliva velocemente nessuno si é preoccupato delle proprie scarpe ma tutti si sono preoccupati dei nostri libri”.

Intanto stamani il sindaco Simone Calamai ha riunito l’unità di crisi con l’obiettivo di fare un primo monitoraggio di quanto accaduto nella mattinata di ieri e individuare le criticità sulle quali agire in un immediato futuro.

«Il maltempo di ieri è stato un fenomeno di portata eccezionale, ma dobbiamo essere pronti ad affrontare situazioni del genere, che sappiamo essere oramai molto frequenti a causa dei cambiamenti climatici in atto.- ha detto il sindaco.

Non ci possiamo nascondere dietro ad un dito: indubbiamente ci sono ancora miglioramenti da apportare al nostro sistema di protezione del territorio. Ciò che è stato fatto nel passato ha attenuato molto il rischio idrogeologico ma evidentemente c’è ancora da lavorare, perché il rischio zero non esiste e la tropicalizzazione del clima ci impone di alzare il livello di guardia. Le casse di espansione realizzate nella piana e gli impianti di sollevamento hanno funzionato bene ma è necessario fare una riflessione approfondita per programmare gli interventi futuri per mitigare il rischio”.

Gli uffici del servizio alla persona (cultura, sport, servizi sociali, scuola) sono stati spostati al Centro Giovani (piazza Don Milani, 3) già da stamattina e funzionano regolarmente.

Andrea Balli

[andreaballi@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email