montemurlo. UNA STORIA D’AMORE “CON LE ALI” A LIETO FINE: LA CIVETTA FERITA RITROVA IL SUO COMPAGNO

Lo scorso maggio il rapace aveva riportato diversi traumi nell’impatto con la vetrata di un’azienda di via Bisenzio in zona Santorezzo. Presa in carico dai volontari della Vab Montemurlo e trasportata alla “clinica per rapaci” Lipu di Vicchio, ieri sera la civetta (animale monogamo) è stata liberata nello stesso luogo del recupero, dove si è potuta riunire al proprio “nucleo familiare”

Nella foto il sindaco Simone Calamai, l’assessore Alberto Vignoli con in mano la civetta e i volontari Vab

MONTEMURLO. La fedeltà non è un valore solo tra esseri umani, anche nel regno animale i legami e le relazioni stabili sono importanti, proprio come dimostra la storia della civetta che, dopo aver affrontato un lungo periodo di degenza nella clinica per rapaci della Lipu a Vicchio, ieri sera è stata liberata dai volontari della Vab di Montemurlo e ha finalmente ritrovato il proprio compagno.

Tutto ha inizio lo scorso 5 maggio quando la civetta va a sbattere contro la vetrata di un’azienda in via Bisenzio nella zona industriale di Santorezzo. Il piccolo rapace nell’urto rimane stordito, giace a terra immobile, incapace di rialzarsi in volo. I proprietari della ditta allora allertano il servizio di recupero dell’avio-fauna in ambito urbano, attivato dal Comune di Montemurlo grazie alla convenzione stipulata con la Lipu.

Dopo un’attenta valutazione viene deciso di attivare i volontari della Vab Montemurlo che, come previsto dall’accordo, si occupano del trasporto dei volatili feriti al centro di recupero che si trova in Mugello. Dopo tre mesi di cure e riabilitazioni la civetta finalmente è guarita e ieri sera è stata liberata nello stesso punto dove tre mesi fa fu soccorsa, potendosi così riunire al proprio compagno.

«Gli esperti del centro rapaci Lipu ci hanno spiegato che le civette sono uccelli monogami e che, dunque, è importante liberarle in prossimità del luogo del recupero, affinché possano ritrovare facilmente il proprio compagno. Può succedere talvolta che la separazione prolungata spinga alcuni esemplari a lasciarsi morire. —spiega il presidente della Vab Montemurlo, Valerio Palandri — – Dopo la liberazione pensiamo che la civetta abbia raggiunto il proprio nido che probabilmente si trova nel sottotetto di qualche capannone industriale o in una vicina casa colonica».

Prima della liberazione, ieri pomeriggio, anche il sindaco Simone Calamai e l’assessore all’ambiente, Alberto Vignoli, hanno voluto vedere da vicino questo piccolo e bellissimo rapace e dicono: «È una bella emozione aver potuto salvare e reimmettere in natura la civetta. Grazie alla convenzione con la Lipu e il fondamentale servizio svolto dalla Vab, riusciamo a dare una risposta concreta ai cittadini che, in ambito urbano, ritrovano volatili o piccoli animali feriti. Un servizio di cui siamo fieri, che sta funzionando molto bene».

L’Assessore all’ambiente del comune di Montemurlo

A dimostrarlo è il bilancio del primo anno di attività (la convenzione fu firmata proprio il 12 agosto 2021). In tutto i volontari della Vab hanno soccorso 31 animali, in prevalenza uccelli, ma anche una tartaruga e due ricci.

Tutti gli animali sono stati curati e reimmessi nel contesto nel quale erano stati ritrovati; solo un airone cenerino non ce l’ha fatta ed è deceduto Le zone con il maggior numero di “salvataggi” sono Montemurlo (10), seguito da Bagnolo (7), Oste (4), Fornacelle (3). Tra gli animali salvati ci sono i merli (5), le tortore (8), una civetta, un’allodola, un passerotto, una rondine, due tordi bottacci, due gazze ladre, un fringuello, un codirosso e un pettirosso, una gallinella d’acqua, un piccione e un airone cenerino, recuperato in una vasca d’espansione e purtroppo deceduto.

«Un ottimo risultato che dimostra la validità del servizio svolto dalla Vab e della convenzione con la Lipu. — conclude l’assessore Alberto Vignoli — Ricordo che se si trova in città un uccello o un piccolo animale ferito (come ad esempio un riccio) è necessario fare una foto all’animale e mandarla subito al numero Whats App del Centro rapaci Lipu di Vicchio, dedicato a questo servizio telefono 347 8781971. Se la Lipu valuterà che l’animale richiede assistenza veterinaria, saranno attivati i volontari della Vab Montemurlo che si occuperanno del soccorso dell’animale ferito e del suo trasporto al Centro recupero rapaci di Vicchio, proprio com’è accaduto con la civetta».

È importante ricordare che non sempre un animale che appare in difficoltà va raccolto. In molti casi infatti i giovani pulcini degli uccelli abbandonano spontaneamente il nido prima di imparare a volare ma continuano ad essere accuditi dai genitori, che li alimentano a terra e l’accompagnano nel graduale raggiungimento dell’autonomia.

LE ALTRE CONVENZIONE A TUTELA DEGLI ANIMALI– In merito, invece, alla tutela e alla prevenzione dei maltrattamenti degli animali domestici, il Comune di Montemurlo ha firmato una convenzione con il Laboratorio Verde Fare Ambiente – Vigilanza Guardie zoofile ambientali.

I cittadini che ipotizzano un caso di maltrattamento di animali dovranno far riferimento al numero telefonico delle Guardie zoofile “Fare ambiente” 3453376028 oppure della polizia municipale 0574-558499. Infine, se si trova un cane o un gatto abbandonato o ferito si deve chiamare il servizio Sos animali telefono 3453220066, mentre per l’assistenza ad animali selvatici feriti (cinghiali, cervi, daini ecc..) è necessario contattare la polizia municipale di Montemurlo telefono 0574-558499.

[masi —comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email