mostre. SOFFICI COMBATTENTE 15-18

A Poggio una mostra documentaria su Soffici e la Grande Guerra
Soffici e la Grande Guerra

POGGIO A CAIANO. È stata presentata al Museo Ardengo Soffici e del 900 italiano dal sindaco Marco Martini, l’assessore alla Cultura Giacomo Mari e il curatore Luigi Cavallo, la mostra documentaria “Tempo verrà… di guerra. Soffici combattente 1915-1918”, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Poggio a Caiano in occasione del centenario dell’entrata dell’Italia nel primo conflitto mondiale.

L’esposizione, che rientra nell’ambito del progetto coordinato dalla Provincia di Prato “Ti porto al museo”, attraverso diversi tipi di documenti, come schizzi, foto, cartoline e riviste dell’epoca, ripercorre le vicende e racconta il rapporto di Ardengo Soffici con la Grande Guerra.

“Ripercorre questa importante pagina della nostra storia, che costò la vita a tanti giovani e giovanissimi di diverse nazionalità – ha commentato l’assessore alla Cultura Giacomo Mari –, attraverso i documenti come quelli qui raccolti sull’esperienza di Soffici, è da considerarsi anche un insegnamento per comprendere oggi quale valore abbia difendere il principio di un’Europa unita, nel nome della pace”.

Tra gli oggetti esposti, alcune rarità, come un ritratto di Apollinaire firmato da Soffici, due opuscoli scritti dall’artista poggese negli anni del conflitto e diffusi fra le truppe dopo la rotta di Caporetto, una xilografia a tre colori stampata in originale della copertina della rivista La Ghirbia, e anche la giubba e la spada del Soffici combattente.

Alla presentazione della mostra
Alla presentazione della mostra

L’intellettuale fu infatti protagonista in prima persona della guerra: dopo aver manifestato il suo pensiero interventista fin dal 1914 nell’ambito della rivista d’avanguardia Lacerba, da lui fondata insieme a Giovanni Papini, nel dicembre 1915 Soffici, che aveva fatto domanda di arruolamento come volontario, fu chiamato nell’83esimo reggimento di fanteria. Inizia così l’itinerario del Soffici militante, che si concluderà con il congedo nell’aprile 1919.

La mostra, che sarà inaugurata ufficialmente oggi, sabato 28 novembre, alle 17,30, alla presenza del Sindaco Marco Martini, del curatore Luigi Cavallo e del professor Carlo Cresti, già professore ordinario di Storia dell’Architettura nell’Università di Firenze, sarà visitabile fino al 28 febbraio 2016, dal venerdì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 14:30 alle 18:30.

[comune poggio a caiano]

Scarica: Brochure mostra

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento