museo civico. IMPORTANTE SCULTURA LIGNEA IN MOSTRA AGLI UFFIZI

San Sebastiano
San Sebastiano

PISTOIA. Si è inaugurata lunedì 21 marzo alle 17:30, presso le Gallerie degli Uffizi, la mostra “Fece di scoltura di legname e colorì”. Scultura del quattrocento in legno dipinto a Firenze.

Realizzata dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, dalle Gallerie degli Uffizi e da Firenze Musei e curata da Alfredo Bellandi con la collaborazione di Marta Onali, la mostra si propone per la prima volta di indagare, attraverso un nucleo di circa cinquanta opere, la vicenda della scultura lignea policroma del XV secolo a Firenze, città in cui la vicinanza tra le botteghe, luoghi di conciliaboli tra scultori, pittori e architetti, fu spesso determinante per l’attività dei maestri del tempo.

Fra le opere esposte anche il San Sebastiano in legno policromo del XVI secolo del Museo Civico di Pistoia, la cui attribuzione, in occasione della mostra, viene valutata fra Pietro Urbano da Pistoia, la Bottega dei Del Tasso e il cosiddetto Maestro del San Giovannino.

Si tratta di una scultura di grande finezza, la cui esecuzione, dal rilievo morbido e sottilmente modulato, si arricchisce ulteriormente con l’elemento coloristico, con effetti di resa realistica per quanto riguarda la dolcezza delle carni e il patetismo sottile e intenso dell’espressione.

In vista dell’esposizione agli Uffizi l’opera, il cui ultimo restauro risaliva agli anni Settanta, è stata sottoposta ad un intervento di disinfestazione e di pulitura della superficie, effettuato dallo studio di restauro Elena Bartolozzi di Quarrata a totale carico degli organizzatori della mostra.

La mostra degli Uffizi è aperta fino al 28 agosto dal martedì alla domenica, ore 8:15/18:50.

Per informazioni e prenotazioni: Firenze Musei 055 294883.

[comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento