musicalmente giovedì. IL POTERE DELLA SOUL MUSIC E DEL BLUES

fabrizio-berti-1
Fabrizio Berti Jug band

PISTOIA. Culturidea con il festival “Musicalmente giovedì con un mercoledì” alla Fondazione Luigi Tronci, continua a mietere successi.

Dopo i sold out dei Bossa ‘n’Joke e Francesco Biadene project, la straordinaria serata dei Tarabaralla, ecco che giovedì 3 novembre alle 21.20 in corso Gramsci 37 ci sarà un’autentica esplosione di Soul-Blues.

Protagonista la Fabrizio Berti Jug Band con lo stesso Berti (armonica/voce) Piero Ferretti (basso, voce), Giacomo Ferretti (chitarra, voce), Fabio Zini (chitarra voce), Leonardo Monfardini (batteria, percussioni, xilofono Bontempi), Giulia Nuti (viola), Giovanni Bargnoni (piano, guimbarde), Andrea Pagliari (steel guitar).

Guidata e fondata da Fabrizio Berti, uno dei più importanti armonicisti del panorama toscano e uno dei più profondi conoscitori del blues internazionale, la Fabrizio Berti Jug Band esplora e riporta alla luce le radici del blues acustico delle cosiddette jug band.

Il logo
Il logo

Queste ultime erano ensemble della tradizione povera americana, caratterizzati spesso dall’impiego di strumenti auto costruiti, a partire da contenitori di fortuna, manici di scopa, assi per lavare i panni e quanto si trovasse a portata di mano.

L’idea di mettere in piedi la Jug Band nasce agli inizi del 2010 da una conversazione avvenuta tra Berti, i suoi sodali e il noto critico musicale e musicista Ernesto De Pascale sul recupero e l’attualizzazione della musica tradizionale americana.

Ne nacque così un viaggio di sensazioni e suggestioni che sono defluite in un percorso elettro-acustico rigoroso che fonde blues, country e swing in una miscela unica e coinvolgente. I musicisti che si alternano e vivono nella formazione arrivano in gran parte dalla Chicago Blue Revue, una delle prime formazioni prodotte da De Pascale per l’etichetta “Il Popolo del Blues”.

Numerose le partecipazioni discografiche della Chicago Blue Revue, che spaziano dal loro omonimo disco d’esordio del 1999 alla presenza in tributi come le due serie 2120 Michigan Avenue Chicago, Italia – il meglio del blues di Chicago interpretato da artisti italiani.

Fabrizio Berti Jug Band
Fabrizio Berti Jug Band

Pistoia e la vicina Porretta possiedono una profonda tradizione nell’ascolto del Soul e del Blues e se molti rimpiangono anche una assenza di corretta considerazione di quella fetta di musica ribelle italiana che andava dai Clem Sacco, Ghigo, Guidone e Mauro Zelinotti, è vero anche che non è mancata in passato a Pistoia, sempre a Porretta, una presenza costante dei massimi esponenti di questi generi ai nostri Festival.

L’associazione Culturidea e la Fondazione Tronci con questa ulteriore serata desiderano proprio dare testimonianza di come la musica che fonde il ritmo ed il back ground che si radica tra Ilinois e Mississippi trovando quindi a Memphis e New Orleans un suggestivo fulcro, debba ritrovare a Pistoia i propri spazi e luoghi.

Questo festival infatti, nel suo complesso, è proprio una guida mirata all’universo musica cercando di tracciare percorsi che possano avvicinare tutti all’ascolto di autentica musica dal vivo.

[culturidea]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento