NANJING FORESTRY UNIVERSITY, UNIVERSITÀ DI FIRENZE E CSM: È ACCORDO

La Nanjing Forestry University a Firenze
La Nanjing Forestry University a Firenze

FIRENZE. Continuano i rapporti di collaborazione e scambio tra la Nanjing Forestry University, centro di eccellenza cinese, il Centro Sperimentale del Mobile, l’Università di Firenze e il sistema Toscana, rapporti già avviati nel 2000. Questo l’esito della vista della Nanjing Forestry University in Toscana il 25 e il 26 novembre 2014.

La finalità è quella di portare avanti il rapporto di collaborazione tra le diverse realtà, con il coinvolgimento della rete di competenze del Polo di Innovazione sul Sistema Interni Cento rappresentata da altri centri servizi e in modo particolare dai tre atenei toscani, oltre all’Istituto Superiore Sant’Anna di Pisa.

“Continuiamo a portare avanti il rapporto di collaborazione e costruire rapporti di collaborazione per le imprese della Toscana – dice Luigi Borri, presidente del Centro Sperimentale del Mobile – con l’obiettivo di sostenere le piccole e medie imprese a conoscere la Cina e dunque imbastire rapporti imprenditoriali e di export. Non a caso uno degli argomenti di cui abbiamo parlato è l’idea di aprire un centro di design, innovazione e servizi presso l’università cinese che possa rappresentare un punto di riferimento anche per le imprese toscane. Fondamentale il ruolo dell’Università di Firenze nella sua capacità di fare ricerca e dunque costruire innovazione con le aziende”.

La Nanjing Forestry University. Il responsabile cinese e il prorettore
La Nanjing Forestry University. Il responsabile cinese e il prorettore si scambiano doni

Le attività previste dall’accordo di collaborazione vanno dall’organizzazione di missioni imprenditoriali nei comparti di produzione delle rispettive aree di competenza (Toscana e Provincia del Jiangsu), all’organizzazione di workshop, seminari e mostre sul tema del design, allo scambio tra studenti e designer dei due paesi, fino all’ipotesi di un centro di design, innovazione e servizi (progetto in fase di valutazione) localizzato presso l’università cinese che dovrebbe fungere da punto di riferimento anche per le imprese toscane che intendano affacciarsi sul mercato cinese attraverso una realtà fortemente radicata nel sistema produttivo e distributivo del settore arredo/design.

La visita in Toscana. La rappresentanza dell’università cinese ha partecipato il 25 novembre all’incontro presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze. In questo contesto sono stati presentati e introdotti i temi della collaborazione a cura dell’Università e dal Centro Sperimentale in qualità di capofila del Polo di Innovazione Cento.

Non è mancata la discussione sul progetto “China Italy Furniture and Furnishing Design and Innovation Centre” per approfondire l’ipotesi di un centro di eccellenza ed innovazione dedicato a design e settore interni. Per l’Università di Firenze era presente il pro-rettore al Trasferimento tecnologico e rapporti con il sistema territoriale Marco Bellandi. Il 26 novembre la delegazione cinese ha effettuato incontri in aziende del mobile per poi tornare a visitare il Campus di Design Industriale a Calenzano ed essere presente al meeting che ha proposto tra i temi in discussione: la relazione tra i programmi di studio degli studenti italiani e le opportunità di stage presso aziende cinesi; la possibilità di conoscere aziende cinesi in visita in Italia.

(mugnaini – centro sperimentale del mobile)

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento