NO ALLA CEMENTIFICAZIONE DEL PARCO DI VIA STELVIO!

Lo striscione

PISTOIA. Pochi giorni fa è iniziata la messa a punto del cantiere che porterà alla costruzione di un complesso di 30 alloggi di edilizia sociale (social housing) nel cosiddetto Parco di via Stelvio: si tratta di una imponente palazzina di almeno quattro piani che andrà a cementificare completamente uno dei pochi polmoni verdi all’interno di uno dei quartieri più densamente popolati nella nostra città, per di più a pochissimi metri di distanza da una scuola elementare!

Questi i punti che critichiamo:

  • Il terreno è stato svenduto a cifre irrisorie dalla giunta Tomasi ad una società privata senza peraltro coinvolgere in un percorso di discussione gli abitanti del quartiere, veri proprietari dell’area verde; tutte le promesse di una Pistoia capitale del verde fatte in campagna elettorale si sciolgono come neve al sole difronte all’arroganza della giunta. Ma in questa vicenda deve assumersi tutte le sue responsabilità anche l’opposizione di centrosinistra, che è rimasta silente difronte alle operazioni del comune.
  • Se il comune avesse voluto veramente aiutare le famiglie in difficoltà, avrebbe potuto rendere disponibili sin da subito le decine di alloggi sfitti di proprietà comunale sparsi in tutta la città! Con spese relativamente contenute si sarebbero potuti ristrutturare o mettere a norma gli edifici pubblici che da anni sono lasciati al degrado e all’abbandono più totale (senza scomodare l’enorme complesso dell’ex Ceppo). Inoltre i tempi per la messa a punto di queste strutture sarebbero stati infinitamente più brevi e si sarebbe potuto affrontare con tempestività situazioni socialmente difficili.
  • Anzichè cancellare il parco di via Stelvio, il comune avrebbe dovuto adoperarsi per valorizzarlo: con piccoli interventi economicamente sostenibili, si sarebbe potuto riqualificare l’intera area, dotando tutti i cittadini del quartiere (e della città) di un vero luogo di ritrovo e socializzazione.

Come Partito Comunista chiediamo al sindaco Tomasi di adoperarsi sin da subito per interrompere i lavori nel parco di via Stelvio, anche pagando le eventuali penali che sono ben poca cosa nel bilancio di una città come Pistoia. 

Immobili sfitti e strutture inutilizzate abbondano.

Pistoia non ha bisogno di altro cemento!

PARTITO COMUNISTA PISTOIA

[bardi –partito comunista pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email