nuova democrazia. E ILSINDACO MINACCIÒ LE DONNE DEL NO

Per Betti sarebbe vietato esprimere liberamente il proprio pensiero seguendo quella Costituzione che le forze renzo-riformiste vogliono passare al tritacarne dando di fascisti perfino a quelli dell’Anpi…?
Ferdinando Betti
Ferdinando Betti

MONTALE. Che la democrazia di Renzi e della Boschi sia quella di due democristiani rinvietiti nelle file del Pd, è ormai una realtà acclarata: basta vedere come si sono comportati entrambi nella storia di Banca Etruria.

Che il Pd P[artito] D[el potere] intenda proporsi come un’alternativa settantennale al ventennio testé trascorso, inaugurato da Di Pietro-Pietro Di, ma solo per aprire la strada al comunismo riformato come dire la “clausura aperta”, è, altresì, un altro dato di fatto acclarato: basta vedere che casino ha previsto nella cosiddetta riforma/schiforma costituzionale il duetto Erre-Bi.

Se quel trojajo passa, finalmente i neocomunisti, che pregano in chiesa e mangiano le ostie, salgono in trono e per levarli di lì bisognerà che nasca una nuova rivoluzione di ottobre del 17, con tanto di cannonata dell’Aurora sul Pd-Romanov.

Tutto questo per raccontarvi che sabato mattina ci sarà, a Pistoia, una conferenza stampa in cui le donne della Nuova Sinistra Unita di Montale dovrebbero raccontare mirabili esempi della democrazia del Sindaco Betti: lo conoscete, l’inceneritorista di Montale.

Queste donne, dal piglio disinvolto di Amazzoni, stanno nell’occhio del Betti come una spruzzata di acido muriatico: sono ribelli, riottose, non obbediscono al masculo e mandano regolarmente in tasca la giunta – anche sul piano dell’inceneritore. Per di più hanno un difetto: hanno intenzione di votare no al referendum. Diavolo e acquasanta, quindi.

Queste signore ottengono, da don Firindelli, una stanza come sede in locali della parrocchia. E, qualche giorno fa, èccole, dinanzi alla loro sede, a fare volantinaggio per il no.

Ariberto da Ficulle
Ariberto da Ficulle

Peccato però che Ferdinando Betti stesse volantinando per il poco distante. Il Sindaco – quasi fosse un novello Ariberto da Ficulle – si alza e, con uno suo vigile-armigero, si reca dalle riottose invitandole perentoriamente a smetterla di manifestare le loro idee ex articolo 21 della Costituzione: non hanno autorizzazione a volantinare e se continuano – così mi dicono – arriverà fino all’arresto (?).

Sarà vero? Boh! Ma se è vero… che cazzo (citazione da Travaglio e Sgarbi) dice il Sindaco? È rimasto ai tempi dello zio Stali o dello zio Hitle (citazioni dal Vernacoliere)? Per farla breve: battibecco, dolci parole e teneri insulti. Uno spettacolo da Italia prefascista.

Un noto avvocato pistoiese s’incazza e promette mari e monti, anticipa che citerà Betti per… bla bla bla… Poi il soufflé del principe del foro si sgonfia di colpo: “lupo non mangia lupo” e di contro alla politica, specie se le simpatie politiche sono condivise, non si va (del resto si sente dire che il leguleio abbia il vizio di tradicchiare i propri assistiti…).

Del resto il Pd o Partito Del Bomba di bombe ne sgancia a palate – anche più puzzolenti di quelle di Hiroshima. Eppoi (tuttattaccato) troppi interessi intorno all’inceneritore che piace tanto a Ferdinando-Ariberto…

Così le donne di sinistra, queste Baccanti impudiche e sfrontate, prima minacciate perché pensavano col proprio cervello, sono state poi deluse da chi credevano che le avrebbe difese: e ora sono in cerca di un avvocato che non abbia paura di avvocati per piazzare un bel candelotto al punto giusto al Sindaco di Montale.

Anzi, per continuare la metafora di Ariberto da Ficulle (con Lando Buzzanca, nel film), “il granturco nel sedere”. Tenendo, ovviamente, il tiranno a farsi ripulire le “parti basse” da un intero pollaio di galline affamate.

Guardateli i film degli anni 70: sono bellini e istruttivi…

[Edoardo Bianchini]

Vedi sviluppi: http://www.linealibera.info/nuova-democrazia-il-sindaco-minaccia-le-donne-del-no/

_________________

Articolo di critica e commento ex art. 21 della Costituzione (da non abolire).

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “nuova democrazia. E ILSINDACO MINACCIÒ LE DONNE DEL NO

  1. Non trovo i commenti indicati sotto l’occhiello del titolo, forse non sò trovarli.

    Mi colpiscono queste parole dell’articolo:

    ” … con uno suo “vigile-armigero”, si reca dalle riottose invitandole perentoriamente a smetterla di manifestare le loro idee ex articolo 21 della Costituzione: non hanno autorizzazione a volantinare …”

    Non mi è chiaro il significato di ” vigile-armigero”, la frase indica un vigile Municipale, oppure indicava altro …

    Grazie per l’eventuale risposta.
    Pier Vittorio Porciatti

  2. Un vigile chiamato (à prise de cul) come il soldato che accompagnava il conte quando, padrone del feudo, minacciava i suoi servi della gleba…
    Ora è più chiaro?

Lascia un commento