nuova democrazia. FALCE E MARTELLO A SCUOLA

Si riapre il dibattito sull’uso di simboli riconducibili a partiti politici all’interno degli istituti scolastici pubblici?
12316392_10206841904560422_4590551007138592317_n
Il disegno nella scuola a Casalguidi

SERRAVALLE. La pubblicazione sul proprio profilo facebook da parte del consigliere comunale di Pistoia Alessio Bartolomei di una foto relativa a una scuola del Comune di Serravalle Pistoiese (la scuola media Ilaria Alpi di Casalguidi) dove si nota appeso nel corridoio un disegno realizzato da qualche alunno con il simbolo della falce e martello in grande evidenza, fa tornare d’attualità l’ampio dibattito apertosi nel 2010 a seguito della decisione di un Sindaco della provincia di Brescia (del Comune di Adro, per la precisione) sull’uso di simboli riconducibili a partiti politici all’interno degli istituti scolastici pubblici.

La scuola è luogo di tutela e promozione dei principi di uguaglianza, di accoglienza e di rispetto delle differenti culture e sensibilità politiche. Lo si è ribadito anche in questi giorni a proposito della difesa della laicità della scuola pubblica e della presenza dei simboli religiosi all’interno degli edifici scolastici.

Ovviamente la diffusione della foto ha scatenato commenti e polemiche.


LE OPINIONI

PERSONALMENTE non vedo niente di strano e non dobbiamo certo colpevolizzare l’alunno e/o alunni  autori del disegno: però da un punto di vista educativo corretto sarebbe stato che le insegnanti avessero inserito tale disegno all’interno di un progetto più globale dedicato al confronto, alla conoscenza e all’approfondimento degli altri simboli di partito.

Andrea Balli

MENTRE in Consiglio comunale viene discusso il bilancio e si scopre che le cifre inizialmente previste per la realizzazione delle casse d’espansione ai Laghi Primavera verranno parzialmente impiegate per il recupero di Sant’Jacopo in Castellare ed altre varie bombe atomiche su cui torneremo… sulla comunità feisbucchiana pistoiese gira vorticosamente una foto scattata, sembra, all’interno di una scuola media dell’istituto comprensivo Fermi di Serravalle: si tratta di un cartellone raffigurante il simbolo del comunismo, falce e martello su fondo rosso, un lavoro dei ragazzi come il tabellone sulla divisione cellulare o sulla piramide delle fonti del diritto.

Articolo 33 Costituzione “L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”.

Noi sosteniamo la Costituzione repubblicana e questo buon principio: l’arte e la scienza si insegnano liberamente.

Speriamo che gli insegnanti non si siano dimenticati di spiegare quanto sangue innocente è stato sparso anche da quella falce e martello.

Paola Fortunati

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “nuova democrazia. FALCE E MARTELLO A SCUOLA

  1. maah…mi chiedo: sti ragazzi…dobbiamo intristirli così sin dalla più tenera età?
    PS. sono quelli del PCL…sempre loro…così seri…così Eisensteiniani….ma facciamogli disegnare un cielo azzurro…ooops….Forza Italia!….no…non volevo…
    Vabbè ragazzi….quando beccate il prof ad attaccare la falce e martello ditegli di metterci la firma…sennò pensano tutti siate stati voi.

Lascia un commento