NUOVO AEROPORTO: «ROSSI VA A DIRITTO E SE NE FREGA DEI TECNICI»

Il Presidente ha ricordato che «è stato approvato un atto di governo e il riordino del territorio della Piana fiorentina, con l’istituzione di un parco agricolo di 7 mila ettari. Il parco lo voglio fare altrimenti sono contrario all’aeroporto»
Enrico Rossi, il Granduca delle chiacchiere
Enrico Rossi, il Granduca delle chiacchiere

FIRENZE. Pubblichiamo una serie di lanci inviati dal Comitato Coordinamento Comitati Piana Prato Pistoia

Aeroporto Firenze. Pista, risoluzione Pd scritta con Rossi. Annuncio Marras alla vigilia del Consiglio regionale su Peretola

Firenze, 24 nov. – La risoluzione sull’aeroporto di Firenze “si scrive insieme, il gruppo Pd con il presidente Enrico Rossi” .

La sottolineatura di Leonardo Marras, capogruppo ‘dem’ nel Consiglio regionale toscano, arriva alla vigilia della seduta dedicata esclusivamente allo scalo di Peretola. Un unico ordine del giorno e i lavori, quelli dell’aula, che andranno ad alimentare un dibattito più largo, con gli attori in campo (dagli anti locali, ad Enac passando per Toscana Aeroporti e le associazioni della Piana) in attesa del verdetto sulla Via che il ministero dell’Ambiente pronuncerà forse già il prossimo 10 dicembre, come ha annunciato ieri a Bologna il ministro Galletti.

In questo contesto il Pd domani presenterà, assicura Marras, “un testo fatto e scritto insieme, frutto di un confronto” con il governatore. Il gruppo, infatti, nei giorni scorsi ha tenuto due incontri: uno informativo, “l’altro con lo stesso Rossi, proprio per definire i confini del testo” . È nel corso del pomeriggio, quindi, che l’atto sara affinato e formulato nella sua interezza.

Aeroporti: Rossi, su Firenze chiedo accordo programma Governo

(Ansa) Firenze, 24 nov – Sul potenziamento dell’aeroporto di Firenze e gli interventi sulla piana fiorentina “chiedo al Governo di darci mano con un accordo di programma che stabilisca i soggetti attuatori e istituisca una cabina di regia. Questa è la condizione per avere il mio assenso sulla nuova pista” e sul relativo procedimento di Via. Lo ha detto il residente della Regione Toscana Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti sullo scalo fiorentino, in vista della seduta del Consiglio regionale di domani che sarà tutta incentrata sul tema.

Nel corso della seduta sarà svolta una comunicazione all’aula da parte della Giunta in cui si ribadiscono le volontà e le condizioni della Regione. Rossi ha sottolineato che “siamo per fare l’aeroporto e daremo un giudizio positivo in conferenza dei servizi, facciamo pero’ presenti i rilievi avanzati dalle nostre strutture tecniche alle quali dovrà rispondere il ministero e, in maniera puntuale, la società Toscana Aeroporti” . Il governatore ha ricordato che “un anno e mezzo fa abbiamo approvato un atto di governo e il riordino del territorio della Piana fiorentina, con anche l’istituzione di un parco agricolo di 7 mila ettari. Il parco lo voglio fare altrimenti sono contrario all’aeroporto” . (Ansa).

Aeroporto di Firenze
Aeroporto di Firenze

(Tos) Aeroporti. Rossi: ok a pista lunga a due condizioni/ “osservatorio su impatto e parco della Piana come dicono tecnici”

Firenze, 24 nov. – “Siamo per fare l’aeroporto e daremo un giudizio positivo in conferenza dei servizi, facciamo presenti i rilievi delle nostre strutture tecniche alle quali dovrà rispondere il ministero e in maniera puntuale la società Toscana aeroporti. Non possiamo fare diversamente che fare nostri questi rilievi” . Lo ha spiegato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi nel corso di una conferenza stampa. Domani, il Consiglio in una seduta straordinaria affronterà il nodo della costruzione della pista parallela da 2.400 metri di Peretola (Firenze) e della valutazione d’impatto ambientale, sulla quale il governatore intende vincolare il proprio assenso a due condizioni.

Ovvero che “sia sottoscritto – si legge nell’atto che leggerà fra 24 ore Rossi ai consiglieri regionali – prima della conferenza dei servizi di approvazione dell’opera un accordo di programma con i soggetti pubblici e privati interessati, contenenti i reciproci impegni relativi agli interventi prioritari contenuti negli atti di programmazione regionale che definiscono il quadro di riferimento per la qualificazione dell’aeroporto e la valorizzazione del Parco” . Inoltre, “in riferimento alle considerazioni di criticità ed incompatibilità di tipo ambientale riportate nel parere del nucleo regionale Via” la Giunta Rossi chiede che “siano individuate dal competente ministero dell’Ambiente le successive fasi in cui siano presentati gli sviluppi progettuali e le relative verifiche che il proponente e tenuto a ottemperare e che consentano lo svolgimento delle attivita di controllo e monitoraggio degli impatti ambientali” .

Allo stesso tempo, viene proposta la costituzione attraverso un decreto ministeriale di Via di un Osservatorio ambientale per “garantire la risoluzione delle criticità ancora esistenti, con particolare riferimento a quelle relative alle fasi di cantiere” .

Ad ogni modo, la convinzione è che l’implicazione ambientale dello sviluppo dello scalo Amerigo Vespucci sia positiva per il territorio. “Ricordo – ha spiegato Rossi – che quando abbiamo messo a confronto vecchio e nuovo aeroporto l’impatto è stato a favore del nuovo. Le vecchie concessioni permettono di allungare l’attuale pista e di portare i passeggeri a 4 milioni – ha chiosato –. Il nuovo aeroporto ha un impatto su un numero inferiore di abitanti” .

Imprescindibile è che della pianificazione urbanistica della Regione Toscana venga rispettato il Pit complessivamente, tenendo conto anche della realizzazione del Parco agricolo della piana.

“Lo voglio fare – ha rimarcato –, altrimenti sono contrario all’aeroporto. Poi, ci sono le le tranvie verso Campi e verso Sesto. Poi, ancora, c’è la costruzione della terza corsia su un’autostrada ormai satura. E, ancora, voglio l’eliminazione dello snodo viario intorno a Peretola con il ponte all’Indiano” .

Nella lista vengono inseriti anche il ponte a Lastra a Signa e la richiesta di una riduzione della velocita sull’A1 e sull’A12.

Il consiglio regionale della Toscana
Il consiglio regionale della Toscana

Toscana: domani si riunisce il Consiglio regionale. Aeroporto di Firenze e mobilitazione contro violenza alle donne al centro della seduta

Firenze, 24 nov. (AdnKronos) – Il Consiglio regionale della Toscana si riunisce domani, mercoledì 25 novembre, alle 9:30, per l’approvazione del “nuovo progetto dell’aeroporto di Firenze e relativa comunicazione della Giunta”. Un solo punto all’ordine del giorno che però, ricorda il presidente dell’Assemblea toscana, Eugenio Giani, “è cardine per lo sviluppo di Firenze e della Toscana” .

La pista parallela dell’aeroporto vive infatti “fasi salienti che anticipano la conferenza dei servizi, con la presa di posizione della Giunta, che sarà illustrata dal presidente Rossi, e quelle dei vari Gruppi”. La discussione si svolgerà fino “all’approvazione di deliberativi”. Si tratta comunque “di una delle sedute più importanti della legislatura, che darà indirizzi forti rispetto all’atteggiamento della Regione per la realizzazione della nuova pista”.

Si​ allega anche il comunicato stampa di Enac sulle esternazioni di Tommaso Fattori, ente che si sente colpito dalle parole dello stesso Consiglio Regionale, ma che fa molto peggio!

Sono stati richiesti atti tecnici (la cui consegna come sapete è obbligatoria in base alla recente sentenza della Cassazione) a corredo delle Confutazioni Enac la quale certifica il 97,5% di coefficiente Utilizzo Nuova Pista senza nessun database, algoritmo, o modalità di raccolta dati, quindi con la protervia di dire “Certifico io punto e basta, non avete il diritto di sapere!” . Queste non sono “falsificazioni” ? Se avessero avuto i dati corretti ce li avrebbero sbattuti in faccia… ma non li hanno ed allora negano!

Scarica: Enac Comunicati stampa 151

Coordinamento Comitati Piana Prato Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “NUOVO AEROPORTO: «ROSSI VA A DIRITTO E SE NE FREGA DEI TECNICI»

  1. …Vabbè…anni di chiacchere per fare quello che si sa da anni: una pista lunga inutile, dannosa all’aeroporto di Pisa e che farà di Peretola un aeroporto ibrido cittadino/internazionale ad alto rischio ed alta densità di voli. Con tanti saluti agli interessi economici della regione nel suo complesso, sperpero di denaro pubblico e ritorni economici complessivi tutti da verificare. Però Renzi sarà contento.

Lascia un commento