NUOVO DISTRETTO SOCIO-SANITARIO, APERTURA ENTRO SETTEMBRE

La consegna delle chiavi
La consegna delle chiavi del nuovo distretto socio-sanitario

MONTEMURLO. Dopo un percorso a ostacoli, finalmente, ieri mattina il sindaco del Comune di Montemurlo, Mauro Lorenzini, ha consegnato alla vice commissario della Usl4, Simona Carli, le chiavi dell’immobile di via Milano, che ospiterà il nuovo distretto socio- sanitario.

La strada si presenta ora in discesa, perché la struttura è perfettamente funzionante e dotata di tutti i comfort. La Usl dovrà solo provvedere all’arredamento degli ambulatori e al trasferimento delle attrezzature mediche che attualmente si trovano nella sede di via Lippi a Bagnolo.

Una sfida che non spaventa certo l’azienda, che circa un anno fa si è confrontata con il ben più impegnativo trasloco dell’ospedale Santo Stefano: “Entro settembre apriremo il nuovo distretto di Montemurlo – ha spiegato Simona Carli della Usl4 –. Una struttura completamente rinnovata all’altezza delle esigenze socio-sanitarie del territorio”.

Tanta soddisfazione anche da parte del sindaco Mauro Lorenzini, che ha sempre creduto nel progetto: “Grazie ad un investimento di 500mila euro abbiamo ristrutturato ed adeguato alle normative antisismiche un immobile comunale che era inutilizzato.

Una scelta che ci consente di garantire ai cittadini di Montemurlo la presenza di un importante servizio socio-sanitario sul territorio, che rischiavamo di perdere”. L’attuale sede del distretto a Bagnolo, infatti, non era più adeguata ad ospitare gli ambulatori e i cittadini sarebbero stati costretti a raggiungere Prato per usufruire di una serie di servizi di base.

“Oggi è un giorno importante, perché con questa nuova struttura parte da Montemurlo il potenziamento dei servizi socio-sanitari sul territorio – ha sottolineato il presidente della Società della Salute, Michele Mezzacappa –. Un immobile completamente rinnovato e con spazi adeguati, che garantirà una migliore accessibilità agli utenti e uno spazio più funzionale anche per i professionisti che qui lavoreranno”.

L’Assessore Simone Calamai
L’Assessore Simone Calamai

La consegna delle chiavi segna, quindi, un traguardo che arriva dopo un lungo percorso, costellato da varie difficoltà. Prima il fallimento della ditta appaltatrice dei lavori di sistemazione dell’immobile, poi la tempesta di vento del 5 marzo scorso, che hanno richiesto ulteriori interventi e verifiche sul tetto. “Siamo davvero molto soddisfatti di essere giunti a questo momento – conclude l’assessore ai lavori pubblici, Simone Calamai –. Il nuovo distretto è stato progettato insieme alla Usl per rispondere al meglio alle esigenze degli utenti e del personale sanitario. In seguito all’impossibilità di mantenere di Bagnolo, con questa ristrutturazione recuperiamo un importante presidio socio-sanitario sul territorio”.

LA RISTRUTTURAZIONE

Il nuovo distretto sanitario occupa i 500 metri quadrati del piano terra dell’edificio di via Milano ed è composto da un grande spazio d’attesa con circa sessanta posti a sedere, un’area con tre box per i prelievi, quattro ambulatori ad uso polivalente ed alcune stanze per il medico di guardia, per l’assistenza domiciliare e per gli uffici amministrativi.

Il distretto ha due entrate, una principale su via Milano e una secondaria su via Napoli. Tutti gli ambienti del nuovo distretto sono stati insonorizzata attraverso l’utilizzo d’ infissi termo-acustici, mentre le pareti esterne sono state rivestite con una doppia lastra di cartongesso. Per quanto riguarda i parcheggi, solo su via Napoli sono stati ricavati circa quaranta nuovi posti auto, più quelli su via Milano riservati al personale sanitario e ai disabili.

Sono in fase di ultimazione anche i lavori di realizzazione della rotonda tra via Milano e via Scarpettini, che renderà più sicuro l’incrocio, e della pista ciclo-pedonale su via Scarpettini che va a completare il collegamento tra Oste e Montemurlo. Inoltre, l’intervento portato avanti dalle Industrie Marini su via Prato, consentirà di migliorare la viabilità nella zona. Grazie alla realizzazione di un ponte, infatti, sarà creato un percorso ad anello, che collegherà direttamente la via Prato stessa con via Scarpettini.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento