onn. bini & fanucci. VERIFICA DI METÀ MANDATO

Il 18 marzo, al circolo “Città Futura” di Agliana, i parlamentari pistoiesi hanno presentato il loro resoconto
Gli Onn. Bini e Fanucci
Gli Onn. Bini e Fanucci

AGLIANA. Prosegue il viaggio lungo la provincia di Pistoia dei deputati democratici Edoardo Fanucci e Caterina Bini per il resoconto di metà mandato dell’attività parlamentare. Lo scorso venerdì sera, i parlamentari pistoiesi hanno presentato quanto realizzato nella prima parte della legislatura e risposto alle domande dei cittadini al Circolo “Città Futura” di Agliana.

Ad accogliere i parlamentari, la segretaria del Partito Democratico di Agliana, Lucilla Di Renzo. ”Ringrazio i nostri parlamentari per l’impegno e la passione che mettono nella loro attività. Non è scontato il rapporto diretto che hanno mantenuto con i cittadini: un dialogo costante, proficuo e assolutamente necessario”, ha detto.

“La nuova legge elettorale e la riforme costituzionali – ha esordito Caterina Bini – renderanno il Parlamento più efficiente e l’approvazione delle leggi più veloce. Si tratta anche di tagliare sensibilmente i costi della politica. Da decenni, da quando Nilde Iotti era presidente della Camera, si parla di abolire il bicameralismo paritario, ma fino ad oggi nessun partito era riuscito a portare a termine la riforma.

“Attraverso il referendum di ottobre, gli italiani potranno esprimersi nel merito delle riforme promosse dal Governo Renzi e scegliere se aprire una pagina nuova o conservare il sistema attuale. La riforma della legge elettorale è un tassello importante di questo percorso e rappresenta il giusto compromesso fra sensibilità diverse. Personalmente, sono convinta che si tratti di un’ottima legge, che garantisce la parità di genere, il ritorno delle preferenze e la governabilità”.

Lucilla-Di-Renzo
Lucilla Di Renzo

Sul referendum del 17 aprile sulle trivelle, Bini ha detto: “Non trovo giusto che i cittadini siano chiamati ad esprimersi su materie così complicate e specifiche, sulle quali è difficile formarsi un’opinione chiara. La nostra è una democrazia rappresentativa: deve essere il Parlamento ad affrontare questi temi, ad analizzarli e studiarli a fondo. Sui temi etici, invece, ad esempio l’aborto o il divorzio, è doveroso consultare i cittadini ricorrendo al referendum”.

Il tema dell’economia e della crescita è stato affrontato in modo particolare da Edoardo Fanucci. “L’obiettivo del governo è creare nuova occupazione e sviluppo. Il Jobs Act dice che la strada intrapresa è quella giusta. Probabilmente, se questa legge fosse stata approvata alcuni anni fa, oggi l’Italia sarebbe in una situazione di gran lunga più favorevole.

“La riforma del mercato del lavoro ha portato 913 mila contratti a tempo indeterminato in più e una crescita di 221 mila occupati totali. Numeri significativi, che ci incoraggiano ad andare avanti con sempre maggiore determinazione. Anche il Pil è tornato col numero positivo, dopo tre anni di segno meno, e l’anno prossimo rafforzeremo ulteriormente la crescita”.

Per quanto riguarda gli argomenti locali, Fanucci ha sottolineato la grande importanza del raddoppio della linea ferroviaria Lucca-Pistoia.

“È opera fondamentale, necessaria per velocizzare i collegamenti, ammodernare l’infrastruttura e migliorare la vita di decine e decine di cittadini e imprese del nostro territorio”. Anche sul tema delle fusioni, Fanucci non si è sottratto. “Ho presentato una proposta di legge per accorpare i Comuni sotto i 5 mila abitanti.

“Non è una soglia casuale, ma quella individuata da uno studio del ministero dell’Interno per ottimizzare costi e benefici. Gli incentivi della legge regionale e nazionale per i Comuni che si fondono sono ingenti e durano 10 anni: un sostegno formidabile per realizzare investimenti, ridurre le tasse, realizzare opere pubbliche importanti”, ha concluso.

[pd agliana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento