orsi pistoia. «SINDACO, MA CHE V’HA FATTO IL RUGBY?»

A inizio agosto il flash mob in piazza del Duomo sembrava aver smosso le acque ma ad oggi il Rugby non ha casa
La Marbec Rugby Pistoia
La Marbec Rugby Pistoia

PISTOIA. Mancano solo 10 giorni all’inizio del campionato 2016-2017, le scuole sono ricominciate e anche i ragazzi delle nostre giovanili hanno ripreso gli allenamenti ma il Rugby Pistoia ancora non ha una casa, certe cose non cambiano mai!

A inizio agosto il nostro Flash Mob in piazza del Duomo aveva smosso le acque portando tanti (appassionati sportivi e non) a solidarizzare con noi e a richiedere a gran voce che le cose cambiassero.

A seguito di questo perfino il Comune sembrò pronto a dare una svolta, a risolvere la situazione… solo a parole!

L’amministrazione ci aveva garantito in occasione di un successivo incontro al comune (sia con accordo protocollato tra comune e società, sia tramite comunicato stampa inviato ai giornali) che entro il 30 di agosto finalmente anche Pistoia avrebbe avuto (come tutte le altre città della Toscana) un campo da rugby dandoci anche la possibilità di effettuare i lavori di adattamento del campo e allestimento di un spazio per il terzo tempo.

Raffaello Caciagli
Raffaello Caciagli

Sulla base di questo impegno ci siamo iscritti ai campionati, ci siamo impegnati a svolgere attività di propaganda con i settori under6, under8 e under10 trovando una risposta molto positiva nelle famiglie che ci hanno contattato, abbiamo pagato corsi di formazione per i nostri educatori per venire incontro alla grande richiesta di MiniRugby che ci arrivava, abbiamo rinunciato all’allestimento della squadra femminile per poter convogliare le forze e le risorse sul settore giovanile, abbiamo preso impegni con gli sponsor dicendo di poter disporre di un campo di riferimento e di uno spazio adeguato.

Ci troviamo oggi ad avere una formazione senior composta da oltre 40 tesserati costretta a allenarsi nel campo fatiscente di Ponte alle Tavole dove gli irrigatori “nuovi” non funzionano e il fondo è duro come cemento, gli spogliatoi versano in condizioni pietose, non rispettano alcuna norma di sicurezza e la maggior parte delle volte manca l’acqua e i nostri atleti sono costretti a salire in macchina coperti di polvere o fango per fare la doccia a casa.

Ci troviamo a dare risposte imbarazzate alle famiglie che vogliono portare i loro bambini perché non sappiamo di quali strutture possiamo disporre, dobbiamo prendere tempo con i nostri sponsor che vogliono sapere quando e dove giocheremo.

Rugby. Flash mob
Rugby. Flash mob

Ecco, questo vorremmo saperlo anche noi: avremmo dovuto poter piantare i pali fissi da più di un mese, i buchi per i pali mobili usati gli scorsi anni non sono stati ripristinati, quindi attualmente non c’è un campo nel quale si possa disputare una partita e, ricordo, tra 10 giorni comincia il campionato, pertanto per tutelarci siamo stati costretti a prendere accordi e disputare a Uzzano le prime gare.

Avevamo detto che ce ne saremmo andati, il comune ci ha chiesto di rimanere, ha preso degli impegni che non ha mantenuto e adesso siamo nella posizione di non poter praticare il nostro sport.

Cosa dobbiamo pensare, da cittadini, di una amministrazione che affronta i problemi sbilanciandosi in promesse sotto la pressione di media e opinione pubblica salvo poi rimangiarsi la parola quando l’attenzione si sposta su altro?

La situazione in cui il Comune di Pistoia ci ha messi, la continua e perenne beffa a cui ci sottopone è offensiva non solo per noi ma per tutte le famiglie, e le associazioni (tra le altre Avis e Panathlon) che ci sostengono.

Spero che l’amministrazione voglia assumersi le proprie responsabilità e risolvere davvero la questione, ma il tempo stringe e ormai non abbiamo più fiducia.

Rugby Pistoia Asd

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “orsi pistoia. «SINDACO, MA CHE V’HA FATTO IL RUGBY?»

  1. Ho dedicato metà della mia vita allo sport. Prima l’ho praticato con un certo successo come giovanissimo studente, poi l’ho insegnato nelle scuole dopo aver fatto l’Università a Roma.

    Carissimi Rugbisti pistoiesi, voi non avere idea di quanto incapaci, mentitori, ladri di democrazia e astuti politicanti siano stati nel tempo i responsabili dello sport a Pistoia.

    Mi dispiace che dovrete rendervene conto a vostre spese. Come amanti traditi.

Lascia un commento