padule di fucecchio. L’APPELLO DELL’ASSOCIAZIONE FOTOGRAFI NATURALISTI ITALIANI

Il Centro Visite di Castelmartini

MONSUMMANO. Anche l’associazione fotografi naturalisti italiani a sostegno del Centro di Ricerca del Padule di Fucecchio. È dei giorni scorsi il documento – testimonianza che porta la firma del dottor Alessandro Magrini, presidente e legale rappresentante nazionale dell’associazione.

“Ricordiamo che Alessandro Magrini, maestro elementare in pensione molto stimato in Valdinievole, ha collaborato con il Centro RDP — scrive Simona Petrassi — sia come operatore didattico di grande esperienza e sensibilità, sia come artista di prim’ordine nel campo della fotografia naturalistica, sia come profondo conoscitore della fauna e della flora del Padule di Fucecchio e del Lago di Sibolla.

Anche per questo la sua testimonianza, condivisa dall’intero CdA dell’Afni, ci risulta particolarmente gradita. Per chi volesse restare incantato dalle sue immagini digiti su un motore di ricerca: Alessandro Magrini Amanatura”.

Questo il testo:

Il sottoscritto Alessandro Magrini, presidente e legale rappresentante dell’Associazione Fotografi Naturalisti Italiani ed il Consiglio Direttivo. dell’Afni, esprimono il loro pieno e convinto sostegno al Centro di Ricerca Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio, ai due dipendenti Enrico Zarri e Alessio Bartolini, che perderebbero il loro lavoro, agli operatori didattici ed alle guide ambientali che con essi collaborano.

Alessandro Magrini

La conferma del licenziamento di Zarri e Bartolini equivarrebbe ad un vero e proprio smantellamento del Centro RDP, determinando, dopo 25 anni, la fine di un’esperienza che la stragrande maggioranza delle associazioni presenti sul territorio e soprattutto migliaia di cittadini, tra cui moltissimi studenti ed i loro insegnanti, considerano estremamente positiva, necessaria ed assolutamente meritevole di continuare.

Chiudere il Centro RDP, oppure stravolgerlo o ridimensionarlo, mettendo altre persone al posto di Zarri e Bartolini, che nel corso di tantissimi anni ne hanno gestito le attività con alta professionalità e straordinaria passione, sarebbe un gravissimo ed imperdonabile errore.

Ne sono una chiara testimonianza le centinaia di persone che hanno partecipato alle assemblee di Monsummano Terme e Larciano ed alle migliaia che hanno firmato l’appello a sostegno del Centro RDP e dei suoi due dipendenti.

Grazie soprattutto alla disponibilità di Zarri e Bartolini, la sezione Toscana dell’AFNI ha collaborato con il Centro RDP fino dagli anni novanta, realizzando importanti progetti finalizzati alla promozione culturale e sociale dei cittadini.

In particolare ha contribuito alla pubblicazione del libro “Gli ultimi rifugi”, con l’aiuto delle province interessate e della Regione, ha realizzato corsi di fotografia naturalistica aperti a tutti, ha allestito mostre, come quella effettuata in occasione dell’inaugurazione del nuovo Centro visite della Riserva di Castelmartini, ecc. ecc..

L’Afni chiede alle Amministrazioni dei Comuni del territorio ed alla Regione di fare ogni sforzo perché il Centro RDP possa continuare a svolgere le sue apprezzate attività, nelle stesse strutture e con il medesimo qualificato personale, nell’interesse di quel grande bene comune che è il Padule di Fucecchio e di tutti i cittadini che hanno a cuore la salvaguardia del nostro patrimonio naturale e culturale.

Alessandro Magrini

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento