PADULE: DOPO LA “NOTTE DELLA CIVETTA” PROSEGUONO LE VISITE DOPO IL TRAMONTO

Gufo comune (foto Enrico Zarri)
Gufo comune (foto Enrico Zarri)

CASTELMARTINI. La Notte europea della Civetta, celebrata per la prima volta anche nel Padule di Fucecchio, ha avuto un grande successo di pubblico: oltre 100 persone, divise in due gruppi, hanno partecipato alla passeggiata al chiaro di luna lungo il percorso naturalistico de Le Morette.

Non è stato possibile accogliere tutte le richieste, ma gli interessati potranno aderire alle prossime escursioni notturne in cui è previsto anche l’ascolto dei canti dei rapaci notturni nel bosco: la prima è in programma per venerdì 17 aprile (ore18-21), poi ne seguiranno altre con cadenza mensile fino a luglio.

La parte iniziale della visita “Padule di notte: al tramonto (e oltre) nell’area de Le Morette” è dedicata al birdwatching: grazie ai potenti cannocchiali ed alla consulenza delle Guide del Centro sarà possibile osservare ed imparare a riconoscere aironi, anatre, falchi di palude e tante altre specie che frequentano l’ambiente palustre.

L’escursione continua anche dopo il tramonto, quando l’affievolirsi delle condizioni di visibilità è compensato dalla moltitudine di suoni emessi dalle tante creature della palude: dai canti dei piccoli passeriformi del canneto, come il Forapaglie castagnolo, alla voce gracchiante degli aironi che nidificano numerosi nelle garzaie intorno al Padule.

Ormai a buio, si fa a ritroso il percorso naturalistico attraversando il Bosco di Chiusi, dove si possono ascoltare i canti di varie specie di rapaci notturni; al rientro, alle 21, chi lo desidera può partecipare ad un “giro pizza” presso il Ristoro Le Morette (su prenotazione 340/2581013, posti limitati).

Visto che siamo nel pieno della migrazione primaverile, continuano anche le visite diurne alla Riserva Naturale: domenica 19 aprile (ore 9-12) è in programma una escursione lungo il percorso naturalistico de Le Morette.

Partendo dal Centro Visite di Castelmartini, si percorre a piedi la bella strada panoramica che offre scorci paesaggistici di grande suggestione e per un lungo tratto attraversa anche il Bosco di Chiusi, fino ad arrivare all’osservatorio faunistico Le Morette, che consente un’ottima visuale sugli specchi d’acqua dell’area protetta.

L'Ibis sacro
L’Ibis sacro

In questo mese sono presenti nella Riserva tutte le specie di aironi europei, che nidificano in grandi colonie: Airone rosso, Airone cenerino, Airone bianco maggiore, Garzetta, Nitticora, Sgarza ciuffetto e Airone guardabuoi, spesso con qualche “ospite” illustre come la Spatola, l’Ibis sacro e il Mignattaio.

Oltre agli aironi, è il momento del passaggio di vari migratori primaverili come le Rondini ed i Topini, che in migliaia sorvolano gli specchi d’acqua, e diverse specie di sterne: i vari Mignattini, la Sterna Comune, il Fraticello e talvolta la rara Sterna Maggiore.

Tutte le escursioni sono condotte da una Guida Ambientale autorizzata ai sensi della Legge Regionale 14/2005; visite guidate in altre date possono essere concordate per i gruppi e per le classi scolastiche, che possono anche usufruire del laboratorio didattico attrezzato di Castelmartini.

È prevista una quota di partecipazione di € 6 (€ 4 sotto i 18 anni) ed è necessario iscriversi entro e non oltre il venerdì precedente, tenendo presente però che le visite sono a numero chiuso e quindi ci potrebbero essere problemi di posti disponibili.

Per informazioni e prenotazioni: Centro Rdp Padule di Fucecchio Onlus, tel. 0573/84540, e-mail fucecchio@zoneumidetoscane.it; il calendario completo delle visite guidate 2015 è suhttp://www.paduledifucecchio.eu/.

[centro rdp padule fucecchio]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento