PARCHEGGIO SELVAGGIO IN PIAZZA FERRUCCI A GAVINANA, LA PROTESTA DELLA PRO LOCO

Una dimenticanza del comune per vietare l’accesso e la sosta in concomitanza con il mercatino dell’usato

Macchine parcheggiate in piazza

SAN MARCELLO PITEGLIO. Nella giornata di domenica 31 luglio l’associazione Pro-Loco Gavinana, aveva organizzato un mercatino dell’usato “Svuota Soffitte”.
Dopo aver presentato tutta la documentazione per ottenere i regolari permessi necessari allo svolgimento della manifestazione, il 15 luglio u.s, il responsabile dell’area G del Comune, ci fa avere i permessi e l’ordinanza con il divieto di transito e parcheggio per le autovetture per consentire il regolare svolgimento del mercatino.
La mattina dell’evento, con mio grande stupore, una volta giunto in piazza vedo che non vi era nessun cartello e nessuna segnaletica che indicasse il divieto di transito e quello di parcheggio, infatti tante erano le macchine in sosta all’interno della piazza.

Parcheggio selvaggio a Gavinana

Telefono alla Polizia Municipale, che risponde comunicandomi l’impossibilità ad intervenire in quanto l’organico della Municipale è di due soli agenti che in quel momento erano in tutt’altra direzione e perciò impossibilitati ad intervenire.
Il mercatino si è svolto regolarmente, accerchiato da tante macchine in sosta (nonostante il divieto che è sempre presente..) e i blocchi di cemento sparpagliati intorno al monumento di Francesco Ferrucci che dovrebbero “dissuadere“ al parcheggio selvaggio.
Pazienza per il mercatino, sicuramente il prossimo anno non lo rifaremo, ma rovinare una bella piazza come quella di Gavinana, con quegli orribili blocchi di cemento e non tutelarla da quei parcheggi selvaggi per non renderla fruibile a quei pochi “ villeggianti “ che da lì passano è davvero vergognoso.

Il consiglio direttivo Pro-loco Gavinana

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email