PARTE IL MONITORAGGIO DEI PONTI E VIADOTTI IN PROVINCIA DI PISTOIA

Stanno partendo in questi giorni le manifestazioni di interesse attraverso la piattaforma Start. La Provincia ha usufruito di fondi per oltre 15 milioni di euro

Il ponte sul torrente Ombrone sulla strada provinciale 6 tra il comune di Quarrata e quello di Agliana

PISTOIA. Stanno partendo in questi giorni con l’avvio delle procedure negoziate senza bando, attraverso la piattaforma Start Toscana, le manifestazioni di interesse per l’aggiudicazione dei servizi di censimento, ispezione e indagine dei ponti e viadotti presenti sulle strade provinciali.

L’amministrazione provinciale nei mesi scorsi ha ottenuto per questo fondi del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili per oltre 15 milioni di euro. Nel finanziamento rientrano il censimento, l’ispezione visiva primaria con la definizione della classe di attenzione, la conoscenza completa delle intere infrastrutture mediante campagne di indagini, come pure la modellazione strutturale e le verifiche accurate.

Mediante il monitoraggio di tutti i ponti la Provincia di Pistoia intende ottenere per ciascuna opera  le verifiche e le determinazioni dei provvedimenti da assumere, la progettazione strutturale e redazione del PSC degli interventi che si renderanno necessari oltre a delineare il Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione e direzione dei lavori.

 Un lavoro che la Provincia sta perseguendo in questi giorni per la messa in sicurezza di ben 24 tra ponti e viadotti sulle strade provinciali. Entro giugno 2022 dovranno essere affidati i lavori ed entro il 31 dicembre 2023 dovranno essere terminati gli interventi.

Lo schema con gli interventi programmati su ogni manufatto

Come noto la provincia di Pistoia in conformità alle norme vigenti esercita sulla rete stradale di competenza, le funzioni di gestione, vigilanza, programmazione, progettazione, costruzione e manutenzione. Le procedure che stanno partendo in questi giorni si sono rese necessarie per poter svolgere le attività che consentano di poter ottemperare a quanto previsto dalle normative vigenti in materia e mettere in sicurezza i ponti e i viadotti di competenza provinciale.

Le procedure avviate sono finalizzate a valutare lo stato di conservazione del ponte, anche in relazione allo stato attuale, al grado di difettosità dell’opera e dei suoi elementi costituenti  e a seguito di accurate verifiche volte a definire per ciascun manufatto il livello di sicurezza arrivare alla redazione dei  progetti   preliminari-definitivi, esecutivi  e alla definizione del  coordinamento della sicurezza e direzione dei lavori dei progetti strutturali che si renderanno necessari.

Nel caso di carenze delle condizioni di sicurezza dovranno essere proposte e concordate unitamente al Settore  Viabilità e Protezione Civile della Provincia di Pistoia l’individuazione di accurate indicazioni specifiche in merito alle limitazioni di traffico e/o alle limitazioni di uso (ad es. passaggio dei mezzi su un’unica corsia ) e/o ad ulteriori accorgimenti e/o provvedimenti necessari per garantire l’operatività o almeno la transitabilità del Ponte esistente.  

Nel caso estremo in cui non risulterà possibile garantire nemmeno l’operatività e/o la transitabilità del ponte, sulla base delle verifiche accurate eseguite, sarà necessario indicare esplicitamente la necessità della messa fuori esercizio e quindi della chiusura del Ponte in attesa degli interventi.

Andrea Balli

[andreaballi@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email