parte la fronda. CHE FINE FARÀ L’ASSESSORE GHERARDI?

L’sssessore Gherardi (a sinistra) con la dirigente Tiziana Bellini che dovrà fare il bilancio per il 10 marzo prossimo

 

AGLIANA. «L’odierna opposizione politica che siede in consiglio comunale è inetta e incapace: si professano di sinistra ma sono tutt’altro, dimostrandosi indifferenti al rispetto delle regole democratiche e al problema dell’incompatibilità di Katia Gherardi: noi ci riteniamo abbastanza validi per fare uno staff per il rispetto delle istituzioni».

Non le manda a dire dietro l’ex assessore Luciano Nesti, sull’infuocata polemica apèrtasi sulla legittimità dell’assessore al bilancio, affermando di avere la legge dalla sua, grazie anche alla disponibilità di pareri legali esterni di tutto rispetto, come afferma l’ex assessore Ambra Torresi. Per Luciano Nesti, loro (gli ex assessori ndr) sono anche “più ferrati del segretario generale”.

L’opposizione dei vari Vannuccini, Bartoli, Guercini, sarebbe costituita da un gruppo di pusillanimi (secondo il Nesti) che “non hanno mai fatto opposizione” e anche quando hanno governato “non hanno saputo fare niente”: degli antifascisti di facciata, prosegue Nesti, che non rispettano le regole democratiche. Da questa invettiva, conclude l’ex Assessore, pare salvarsi il capogruppo Nerozzi, garante delle regole democratiche.

Luciano Nesti, già Assessore senior: critica l’opposizione duramente

Loro tre (cioè parte della ex giunta-macedonia, con Giulia Ammannati Palandri, Ambra Torresi e Luciano Nesti) saranno invece inflessibili e rigorosi e annunciano una battaglia fino all’ultimo colpo su una vicenda così strategicamente importante per la vita della stessa giunta di centro destra, ovvero per rientrare loro al potere in una nuova giunta Benesperi.

Mentre Luciano Nesti spiega che vuole solo garantire il “rispetto delle regole, per il solo interesse della cittadinanza”, la Torresi va oltre, specificando che andranno “fino in fondo”: un pronunciamento specifico sulla loro richiesta, vedrebbe sicuramente l’amministrazione Benesperi esposta a una grave minaccia; l’impossibilità tecnica di definire il “bilancio preventivo” che deve essere approvato nel mese di marzo.

Una bella gatta da pelare per l’assessore Gherardi che dicono sia molto impegnata a lubrificare gli ingranaggi della Bellini, notoriamente arrugginiti e rallentati almeno sul Comune di Agliana e non su quello del Sindaco di Montale, il politico che accetta la definizione delle forze dell’ordine come “squadre fasciste” e si congratula pure con il suo ex assessore defenestrato (solo all’apparenza?) educatore, Prof. Galardini.

Gli ex sssessori-macedonia Torresi, Zucchelli e Ammannati Palandri.

Chiaro che la criticità sarebbe esplosiva e posizionerebbe davvero l’amministrazione sul baratro di una pesante mozione di sfiducia che però, al momento, l’opposizione incapace non vuole trattare o che comunque starebbe valutando, ma con calma.

A questo punto c’è da chiedersi: sono davvero incapaci e reticenti, i politici dell’opposizione, o sono velleitarie le pretese dell’ex “giunta-macedonia”, dalla quale si sono dissociati Massimo Zucchelli e Alfredo Buscioni?

Buscioni e Zucchelli sono dissociati da Torresi,  Ammannati e Nesti: c’è una spaccatura?

Il già assessore Alfredo Buscioni contattato, afferma che l’eccezione introdotta dagli ex colleghi di coalizione, è strumentale e sarà risolta rapidamente con il riconoscimento alla Gherardi che è legittimamente nominata.

Buscioni ci dice inoltre che tutto finirà in una risata per la manifesta inconsistenza delle norme e dei fatti, in relazione al numero di abitanti di Agliana. Staremo a vedere, certo è che la confusione non manca.

Sul tema “Gherardi” c’è pure il parere del segretario generale Paola Aveta, emanato in modo univoco e in favore della assessore leghista. Un atto che sembrerebbe già sufficiente e categorico.

La prossima puntata arriverà dopo l’eventuale incontro con il prefetto Emilia Zarrilli, auspicato da Luciano Nesti come urgente.

Alessandro Romiti
[
alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “parte la fronda. CHE FINE FARÀ L’ASSESSORE GHERARDI?

Comments are closed.