partito comunista. L’ABBANDONO DELLE PERIFERIE

Verificato direttamente lo stato di salute di alcuni parchi pubblici e delle aree disseminate nelle zone periferiche

Via Vittorini

PISTOIA. Il tema delle periferie e della rimessa a nuovo delle loro aree pubbliche adibite a verde è da sempre argomento principale delle campagne elettorali dei maggiori schieramenti politici cittadini. Parole che troppo spesso, però, non corrispondono ai fatti. Non si esime da questa prassi ormai consolidata l’attuale giunta comunale che, insieme allo sport, aveva fatto della riqualificazione dei parchi pubblici pistoiesi uno dei cavalli di battaglia della scorsa campagna elettorale.

Certo, l’amministrazione Tomasi ha investito tanto fino a oggi nelle aree verdi, ma il grosso dei soldi spesi è servito per riqualificare i due parchi principali di Pistoia: Parco della Rana e Villone Puccini, per i quali sono stati stanziati rispettivamente circa 170.000 e 200.000 euro. A questo punto ci sorge spontanea una domanda: come mai, se si riescono a trovare somme così ingenti per i parchi “centrali” della città, non si è in grado di trovare piccolissime somme che basterebbero a rendere dignitosi i giardini “periferici”?

Questa riflessione, insieme alle segnalazioni che abbiamo raccolto in questi anni da numerosi cittadini, ci ha spinto a verificare direttamente lo stato di salute di alcuni parchi pubblici e aree verdi disseminate nelle zone periferiche.

Come prima tappa della nostra indagine abbiamo scelto San Felice, nella periferia nord della città, a circa 8 chilometri dal centro. Qui sono presenti due piccoli parchi pubblici che dovrebbero servire da luogo di svago per i numerosi bambini che abitano il paese.

Parco a San Felice

Uno si affaccia sulla via principale, via San Felice e Piteccio, ed è il più grande. Già privato dell’altalena da qualche anno, dispone di uno scivolo e altri due piccoli giochi ai limiti della possibilità di utilizzo: in ogni caso non ha un’aria molto accogliente per un bambino che vuole divertirsi un pò.

Il secondo è situato all’interno di un complesso di palazzi popolari in via Vittorini: qui addirittura lo scivolo è inutilizzabile e “confezionato” con una fettuccia bianca e rossa. Inoltre due tombini sono in bella evidenza all’interno del parco, ben oltre il livello del prato, perfetti per far inciampare un bambino o un anziano.

Ma la ciliegina sulla torta ci viene segnalata nell’ampio parcheggio adiacente all’entrata della scuola materna/elementare, lato via Cesare Pavese: qui molti bambini del paese sono soliti giocare con le loro bici o monopattini e tutti i giorni si incontrano e passano qualche minuto insieme ad altri bambini in uscita dalla scuola. Ebbene, proprio sul marciapiede adiacente il parcheggio una staccionata ha ceduto, lasciando scoperto uno strapiombo di circa 2 metri che è stato messo in sicurezza alla buona con qualche transenna e una fettuccia.

Come potete vedere dalle foto, in casi come quelli di San Felice basterebbero piccoli investimenti volti almeno a ripristinare le strutture già esistenti e a mettere in sicurezza le criticità presenti, rendendo così dignità e decoro a importanti  luoghi della vita quotidiana di un piccolo paese, centri di socialità e svago per gli abitanti più piccoli, che potrebbero giocare in libertà, ma anche per i più grandi, visto che la maggior parte di essi non ha una casa con il giardino.

Ma San Felice è solo un esempio: a Pistoia situazioni come queste sono molto più frequenti di quanto si possa pensare, e non riguardano, come abbiamo potuto vedere, solo i parchi pubblici.

Da Comunisti questo ci sembra profondamente ingiusto: le periferie devono avere gli stessi diritti del centro città e, di conseguenza, la scelta dei flussi di denaro da destinare deve essere ponderata in base alle esigenze di tutti i cittadini e non privilegiando le zone più in vista o che ci garantiscono un maggior bacino di voti.

A buon intenditor poche parole. La giunta destrorsa di Tomasi non si distingue affatto da nessun’altra facendosi guidare, nelle scelte politiche, dagli interessi personali e non da quelli della collettività tutta.

SOCIALISMO UNICA SOLUZIONE!

[partito comunista pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email