PD E DEMOCRAZIA: METTI UNA SERA LA LAING A SAN MARCELLO

«Sulla Comunità Montana dovete chiedere e pretendere chiarezza politica, perché emergano tutte le responsabilità a qualsiasi livello. Se sarò candidata ed eletta mi batterò per questo»
Simona Laing alla Baccarini
Simona Laing alla Baccarini

SAN MARCELLO-MONTAGNA. Lottare. È questo il verbo portato su in montagna da Simona Laing, la candidata scomoda del Pd, che ieri sera era, come annunciato, è salita in Montagna in quel di San Marcello per parlare della sua visione delle cose e per ascoltare quella dei montanini.

Lottare e difendere il proprio territorio o almeno provarci. Si può vincere o perdere, non conta, l’importante è lottare.

Fa un certo effetto sentirlo ripetere con convinzione, quasi fosse un mantra, da una signora esile e dai modi garbati. Come dargli torto, la vita non è forse una lotta dall’inizio alla fine?

“E voi – ha chiesto in maniera provocatoria – quassù in Montagna che avete fatto? Vi hanno portato via tutto, perfino l’ospedale ma non si son viste rivoluzioni.” Beh… a bocce ferme ci sarebbe stato da ribattere che quelli impegnati a portare via e picconare la montagna sono i suoi stessi compagni governanti della Montagna da sempre. E in questo suo gioco-provocazione ha ignorato o forse, ha fatto finta – ma visti i risultati come dargli torto? – quelle piccole realtà associative non asservite ai partiti, che qualcosa, nel loro piccolo, hanno tentato di fare, per scuotere una Montagna ridotta ad essere ormai colonia di Pistoia: Comitato Recupero Ammanco, Pettorine, Zeno Colò e pochi altri liberi pensatori.

Non molte le persone all’incontro, poco più di una ventina, evidentemente organizzato senza poter contare sulla struttura militante (e militare) del suo partito. Non sono state però le persone presenti a farsi notare, ma piuttosto i compagni (?) assenti: quelli del Pd locale che in massa, hanno disertato l’incontro.

Neanche l’onore delle armi hanno voluto riconoscergli. Sì perché una delle due teste che rotolerà, sarà la sua, sacrificata, per salvaguardare il principio di rappresentanza territoriale, dal partito delle primarie non fatte.

E cosa deve essere salvaguardato o si vuole salvaguardare con questa alta fesseria di principio tirato in ballo solo ora e per misere questioni di poltrona elettorale? Questo alto principio è stato forse applicato dai suoi stessi compagni, o forse fratelli coltelli, del suo partito Pci-Pds-Ds-Pd-Dc-Pp, per qualche vicenda recente che ha affossato la Montagna? Vicende tirate fuori senza reticenze, proprio dalla Laing, durante le due ore di dialogo.

Dopo essersi presentata in maniera professionale, tradendo la sua impostazione aziendalistica, rivendicando con il giusto orgoglio, il lavoro e anche i risultati ottenuti in veste di Presidente delle farmacie comunali di Pistoia (vedi Laing: 581mila euro di utili da Far.Com. Spa), ha parlato, pensate un po’, della ex-Comunità Montana e dei Bim non riscossi: “Dovete chiedere e pretendere chiarezza politica, perché emergano tutte le responsabilità a qualsiasi livello” e – ha aggiunto prendendosi un impegno – “Se sarò candidata ed eletta mi batterò per questo”.

Riguardo all’ospedale ha detto che va portata in montagna una specializzazione: perché non pensare alla geriatria (pensate un po’ agli interessi cui va contro). Le farmacie, suo settore, devono essere punti di erogazione di servizi.

La Laing cadrà, ma cadrà in piedi. Venerdì, domani quando uscirà il verdetto dal triunvirato, roba da Impero Romano ovviamente democratico, prenderà la legnata e la incasserà, come sicuramente ne ha incassate altre, ma non si piegherà e rimarrà nel partito senza stracciare all’occorrenza la tessera come altri suoi compagni hanno fatto.

La prima regola di un lottatore è incassare: “Dovete lottare per voi stessi ma soprattutto lo dovete ai vostri figli”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “PD E DEMOCRAZIA: METTI UNA SERA LA LAING A SAN MARCELLO

  1. Se c’è una persona non allineata, non c’è scampo: viene estromessa. Il nuovo verbo del PD è credere e obbedire. Sempre, a qualunque costo.
    (Eva Giuliani da Facebook)

Lascia un commento