PD, FOSSI: “NO A UNA TOSCANA DI SERIE A E UNA DI SERIE B”

Il candidato alla segreteria regionale con Elly Schlein a Massa Carrara, Viareggio, Lucca, Pistoia e Prato: “Il partito riparta da lotta alle disuguaglianze”

Emiliano Fossi a Viareggio

FIRENZE. “Il Pd deve ripartire dalla lotta alle disuguaglianze. Non possono esserci una Toscana di serie A e una di serie B nelle condizioni sociali e nelle opportunità per donne e uomini. Ci deve essere una sola Toscana, giusta, aperta e libera”.

A dirlo è stato Emiliano Fossi, candidato alla segreteria del Pd toscano per la mozione “Una nuova speranza”, durante l’intervento davanti alle 400 persone venute ad ascoltare la presentazione della sua candidatura e quella nazionale di Elly Schlein ieri a Massa.

Nella mattinata di ieri Fossi e Schlein hanno partecipato a due iniziative partecipate da centinaia di persone, a Massa come a Viareggio, mentre nel pomeriggio sono stati a Lucca, Pistoia e Prato.

Ieri a Pistoia

“La costa e le aree interne della Toscana — dice Fossi — stanno scontando un ritardo intollerabile in termini di infrastrutture e di occasioni di crescita, un ritardo per gran parte dovuto al fatto che dal governo nazionale c’è stata poca attenzione a questi territori. Il nuovo Pd deve ripartire da qui, dall’ascolto di donne e uomini che da troppo tempo si sentono cittadini di serie B.

Dobbiamo lavorare ad accorciare le differenze che ancora persistono tra la zona centrale della Toscana da una parte e la costa e le aree interne dall’altra. E nel farlo dobbiamo mettere in cima alla priorità il bene più prezioso, la salute: la sanità pubblica non va solo difesa ma sostenuta e finanziata, anche ricorrendo alla leva fiscale nei confronti di chi ha redditi alti”.

“Il Pd toscano — conclude Fossi — deve ritrovare una sua centralità, un suo protagonismo. La grande partecipazione e l’entusiasmo che stiamo vedendo nelle iniziative di oggi ne è la dimostrazione.

La Toscana dei buoni amministratori non basta più… ognuno faccia il suo mestiere: il partito elabori e proponga politiche innovative, confrontandosi senza pudori e paure con la giunta regionale”.

[paolo ceccarelli]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email