pd in travaglio. TRALLORI SULLA CANDIDATURA DI BARTOLI A SINDACO

«Non si entra e si esce da un partito a piacimento e solo sulla base dei propri bisogni individuali»
Roberto Bartoli

PISTOIA. Ho letto le dichiarazioni di Bartoli.

In questi anni, nonostante spesso  non abbia condiviso i suoi toni e le sue critiche eccessive sulla città,  avevo imparato a conoscerlo ed apprezzarlo.

Con dispiacere, dunque,  prendo atto della sua decisione, che considero sbagliata nel metodo e  nel merito.

Non si entra e si esce da un partito a piacimento e solo  sulla base dei propri bisogni individuali.

E il partito che pro tempore  ho l’onore di coordinare è un luogo aperto, libero e contendibile, dove  ognuno può esprimere le proprie opinioni e organizzarsi di conseguenza;  un partito in cui tutti, pur con proposte diverse, operano e militano  per il bene dei territori, dei cittadini.

Sarò al fianco del sindaco Bertinelli per portare il Pd e il centro  sinistra alla vittoria, grazie anche ai tanti risultati raggiunti.

Gli  errori e i problemi saranno chiamati col loro nome e affrontati nella  sede e nel momento opportuni, con uno sforzo collettivo con cui  cercheremo di trovare non colpevoli, ma soluzioni.

Viva Pistoia e viva  il Partito Democratico.

Riccardo Trallori
Segretario Provinciale PD Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “pd in travaglio. TRALLORI SULLA CANDIDATURA DI BARTOLI A SINDACO

  1. Bravi, bel suicidio assistito! Finalmente Pistoia ha l’occasione di liberarsi di voi per 4 anni. Sinceramente è la prima volta che vedo un partito fare una lista “civica” per far fuori il suo sindaco. Bella anche la recita dello sconcerto sulla decisione di Bartoli, il quale ricordiamolo sempre, è l’autore della telefonata con la quale minacciava di ricoprire di merda una sua compagna di partito….
    Massimo Scalas

Lascia un commento