«PERCHÉ NON VOTERÒ ROSSI»

Un politico non deve dire bugie. Lo fanno in molti, purtroppo. E Enrico Rossi, Presidente della Regione, è il re delle bugie. Per questo motivo non lo voterò
Daniele Rovai
Daniele Rovai

PISTOIA. Enrico Rossi dice che deve tagliare i servizi sanitari, pardon “riorganizzarli”, perché il governo ha tagliato per il 2015 fondi in Sanità per 250 milioni di euro.

Bugia! Il governo ha ridotto i trasferimenti alle Regioni per un importo di 5 miliardi e 800 milioni lasciando alle Regioni libertà di scelta di dove trovare questi soldi. E le Regioni, tutte ad eccezione del Veneto, hanno deciso di trovare il 50% di questi soldi – 3 miliardi circa – tagliando la spesa sanitaria; l’altro 50%? Devono ancora pensarci! In Sanità, dovete sapere, decidono le Regioni non il governo.

Nel 2014 i Toscani hanno pagato tasse Regionali per 8 miliardi e 944 milioni; di questi soldi ben 7 miliardi e 700 milioni sono stati usati per finanziare la Sanità (l’80% dell’intero budget regionale per capirci). Questo vuol dire che i toscani si pagano il loro diritto ad essere curati.

Non ha certo favorito i risparmi far entrare il privato nella gestione di servizi sanitari e non sanitari. La Regione ha infatti stipulato dei contratti che non possono essere ridotti o variati. Se per 19 anni, ad esempio, hai pattuito di dare al gestore privato dei 4 nuovi ospedali Toscani di Prato, Pistoia, Lucca e Massa, circa 57 milioni all’anno – in totale circa 1 miliardo e 200 milioni di euro – quelli li devi trovare per forza! Mentre puoi chiudere ospedali, chiudere presidi, ridurre posti letto, licenziare 2.000 addetti tra medici e infermieri.

Rovai-libro-immagineEppure da una ricerca svolta a aprile (vedi) se le Regioni bloccassero per un anno le consulenze esterne avrebbero risparmi per 800 milioni; altri 500 milioni si troverebbero dimezzando i compensi dei 1.100 consiglieri e ben 3 miliardi e 200 milioni, dice il Sole 24 Ore, se riducessero i trasferimenti alle aziende regionalizzate.

Se Rossi dice che taglia i servizi sanitari perché lo ha deciso il governo vuol dire che è un bugiardo!

Se Rossi non riesce a tagliare costi di gestione sanitari per un 3-4% – questo in percentuale la riduzione del budget sanitario – preferendo tagliare sulla carne viva dei suoi concittadini, vuol dire che non è un buon amministratore.

Io non voterò un uomo bugiardo e incompetente alla Presidenza della Regione Toscana.

[*] – Ospite

Per Daniele Rovai vedi:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “«PERCHÉ NON VOTERÒ ROSSI»

Lascia un commento