pescia. CONFORTI: «LA RACCOLTA RIFIUTI EREDITATA DA GIURLANI È DISASTROSA»

La rivoluzioneremo puntando sulla gestione autonoma
Francesco Conforti

PESCIA. “Il servizio di raccolta dei rifiuti è peggiorato un po’ ovunque nel Comune di Pescia e questo nonostante che l’azienda che se ne occupa da Marzo 2018, Alia spa, abbia aumentato significativamente le tariffe. Così non va, non possiamo continuare a tollerare questa situazione: uno dei punti del nostro programma sarà sicuramente rivoluzionare il sistema di gestione dei rifiuti”.

A dichiararlo è il candidato alla carica di sindaco di Pescia della coalizione di centrodestra, Francesco Conforti, in seguito alle segnalazioni ricevute da parte di cittadini e imprenditori e dalle verifiche fatte anche in prima persona nelle ultime settimane sulla questione rifiuti, a cominciare da una disamina della nuova regolamentazione.
“I maggiori problemi – sottolinea Conforti – riguardano l’umido. Si registra infatti una cattiva gestione della raccolta di questo tipo di materiale, che mette in difficoltà sia i cittadini, sia i giardinieri che le imprese agricole (fra cui in primis quelle florovivaistiche), che si trovano a produrne ogni giorno. E sappiamo tutti quanto numerose e importanti siano a Pescia le realtà aziendali di questo settore”.

“Addirittura – prosegue Conforti – in alcune zone del territorio pesciatino i cassonetti sono bloccati da cumuli incredibili di spazzatura. Questa situazione, che è una pessima eredità anche delle scelte fatte dall’amministrazione Giurlani, non è accettabile. Che immagine offriamo della nostra città? Ma soprattutto come possiamo pensare di continuare a mettere i bastoni fra le ruote e creare difficoltà ad imprese che sono una delle colonne portanti della nostra economia?”.

“A fronte di tale stato di cose increscioso – conclude Conforti – proporremo una rivoluzione della gestione rifiuti nella direzione della massima autonomia possibile di Pescia. L’obiettivo finale sarà una vera e propria autogestione, che porterà numerosi vantaggi a cittadini e imprenditori: da una riduzione dei costi del servizio sino alla semplificazione del conferimento. La nostra proposta, che sveleremo nella sua interezza più avanti, ha un altro obiettivo fondamentale: utilizzare una parte dei rifiuti (l’umido) come fonti energetiche rinnovabili, così come già succede in varie parti d’Italia, cioè per produrre energia, riducendo quindi i consumi energetici del territorio”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento