pescia. COVID-19, IL VESCOVO: DA TUTTI RICEVUTO UN ABBRACCIO DI INTENSA FRATERNITÀ

A distanza di una settimana monsignor Roberto Filippini si rivolge di nuovo alla diocesi: “Eccetto una leggera costipazione non presento sintomi preoccupanti..”

Monsignor Filippini

PESCIA. Continua in Vescovado l’isolamento di monsignor Roberto Filippini dopo  essere risultato positivo al Covid 19. È lui stesso a rassicurare i presbiteri, i diaconi e i fedeli sul suo stato di salute.

Lo ha fatto ieri postando sul profilo facebook della diocesi un messaggio che pubblichiamo:

Carissimi Presbiteri, Diaconi e carissimi fedeli 

Sono commosso dal numero straordinario di telefonate, sms, e messaggi cartacei e in digitale che ho ricevuto durante questa settimana e che continuo a ricevere quotidianamente da tutta la Diocesi, da amici fraterni, da conoscenti, dalle autorità e da persone semplici e comuni, magari incontrate anche una sola volta: da tutti mi viene donata una testimonianza di affetto, di vicinanza e di partecipazione a questa mia disavventura che mi confonde: anche la comunità rumeno ortodossa con il suo parroco ha pregato per me, come pure alcuni amici protestanti e musulmani.

Davvero un abbraccio d’intensa fraternità che fa bene. Vorrei ringraziare tutti e rassicurare sul mio stato di salute: eccetto una leggera costipazione, non presento sintomi preoccupanti e controllo più volte al giorno la temperatura e l’ossigeno che sono regolari. Per ora non mi è stata prescritta alcuna terapia, se non il riposo. Vivo l’isolamento in casa con serenità, perché i miei congiunti sono risultati negativi; durante le giornate leggo, rispondo a chi mi cerca, sbrigo qualche pratica a distanza, ascolto musica e prego per la mia Comunità Diocesana e per la Chiesa.

 +Roberto Vescovo

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email