pescia. IL NO DI MANDARA AL BUSINESS PARK

Il candidato sindaco della lista "Voltiamo pagina" si è dichiarato invece a favore di una seria messa in sicurezza del territorio
Giancarlo Mandara

PESCIA. Dire no al Business Park, con qualsiasi allettante appellativo lo si voglia chiamare, non è una semplice presa di posizione ma senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e del territorio in cui vivono.

Negli scorsi giorni con la mia squadra ho avuto modo di toccare con mano il problema effettuando un sopralluogo insieme ad alcuni residenti nella zona sud del Comune di Pescia, dove ho potuto verificare le gravissime problematiche idrogeologiche di questi territori da sempre abbandonati dalle istituzioni.

Questa zona deve tornare al centro dell’azione amministrativa, attraverso una seria risistemazione del reticolato minore e con un incisivo intervento sul Consorzio 4 Basso Valdarno che deve svegliarsi dal torpore e mettere in campo seri interventi sul nostro territorio.

Inoltre vorrei rassicurare i residenti della zona sul fatto che per me il business park è da ritenersi accantonato e che la zona dovrà essere necessariamente messa in sicurezza.

E comunque, prima di pensare a nuovi insediamenti produttivi, si dovrà pensare alla naturale vocazione agricola di questa zona e recuperare i vecchi stabili in stato di abbandono.

C’è molto lavoro da fare, ma con la mia squadra ho intenzione di far tornare queste persone a vivere tranquille nel loro territorio e soprattutto a non sentirsi abbandonate e schiacciate da decisioni prese dall’alto.

Giancarlo Mandara

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento