PESCIA, MONTECATINI, PISTOIA: SVILUPPO ARCHITETTONICO E URBANISTICO TRA LE DUE GUERRE

Claudia Massi
Claudia Massi

PISTOIA. Martedì 31 marzo alle ore 21.20, presso la Fondazione Luigi Tronci in Pistoia, avrà luogo il dodicesimo appuntamento del ciclo di eventi Culturali “Pensando ad Atene”.

La conferenza dal titolo “Pescia, Montecatini, Pistoia: sviluppo architettonico e urbanistico tra le due guerre”, della professoressa Claudia Massi, porta a termine il ciclo di incontri (13 gennaio-31 marzo) “Pensando ad Atene. Riflessioni sulla Democrazia Contemporanea”, organizzati dall’Associazione Culturidea con la collaborazione del Conservatorio San Giovanni Battista, il patrocinio del Comune di Pistoia, e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, ciclo di incontri che ha riscosso, per il secondo anno consecutivo, un grande successo di pubblico.

In Italia, nel periodo tra le due Guerre Mondiali nel settore dell’architettura, si svilupparono parallelamente due correnti artistiche diverse fra loro; da un lato l’architettura razionalista che rappresentava il movimento più moderno, in sintonia con le tendenze europee del funzionalismo. Sull’altro versante si privilegeranno le realizzazioni di edifici monumentali e con forte caratterizzazioni scenografiche. Uno stile che è parte della cosiddetta «Art Déco», ma questo stile manifesterà in Italia una qualità eccezionalmente estetica e innovativa. Il livello delle costruzioni e delle arti plastiche in Italia si ritroverà raramente negli altri paesi. Infatti, vi fu un tentativo interessantissimo di conciliare la tradizione romana e il modernismo più avanzato.

Una caratteristica importane dell’«Art Déco» italiana era la sua armonia con la tradizione nazionale e la sua conformità al senso estetico italiano. Lo stile dell’epoca prolungava le realizzazione del classico senza megalomanie e utilizzava, soprattutto per le parti visibili, dei materiali quali il travertino, i mattoni, il marmo, senza sacrificare il bello all’utile. Un vero interesse alla bellezza decorativa spiega l’aggiunta di statue, bassorilievi e mosaici. Un’altra caratteristica si poteva ritrovare nella grandissima varietà di creazioni artistiche.

La Professoressa Claudia Massi ci introdurrà, con la propria indubbia preparazione, alla scoperta degli edifici di quell’epoca che decorano anche la nostra Valdinievole, soprattutto nelle città di Pescia, Montecatini e Pistoia.

Da ricordare che, a partire dallo scorso 23 marzo, ogni lunedì alle ore 23.40, replica martedì mattina alle ore 14.40 ed il mercoledì alle ore 5.00 del mattino, Tvl ha iniziato a mandare in onda delle interviste delle quali sono protagonisti i relatori della fortunata seconda serie d’incontri di “Pensando ad Atene’’.

[culturidea]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento