PIANA COMMISSARIATA: ORA IL PD PUÒ BRUCIARE A RUOTA LIBERA

Ferdinando Betti, renziano
Ferdinando Betti, renziano

MONTALE-AGLIANA. Le due nuove amministrazioni – ovvero i due Sindaci Betti e Mangoni – hanno un punto in comune che li unisce intimamente come fossero stati “travolti da un insolito destino nell’azzurro cielo della piana” – e mi scuserà la compianta Lina Wertmuller per questa ardita impresa.

La giunta montalese, composta come annunciato dal pezzo di Andrea Balli (vedi), ha il «dono del taciuto» sulla delega all’Ambiente; e non è per un refuso: Betti se l’è tenuta (almeno così ha detto) per sé, proprio come fece un tempo la Ciampolini ad Agliana. Con una discriminante non secondaria, però: il neo-Sindaco montalese non pare essere – a parere di chi scrive – molto preparato sull’argomento. Vorrà perdonarmi ma, nei nostri incontri sia privati che pubblici, non ha mai dato prova di una particolare sensibilità sul “pianeta Cis” e sulle derivate “correlazioni ambientali”.

Guido Del Fante, segretario del Pd di Agliana
Guido Del Fante, segretario del Pd di Agliana

Se è vero che l’Assessorato all’Ambiente è – per dimostrata evidenza – quello più sgradito di tutti, è anche certo che la nomina di una collaudata Consigliera Provinciale come Marianna Menicacci, inceneritorista convinta, avrebbe dato séguito ad una serie di sicure proteste e critiche che, si sarebbero sommate a quelle aglianesi dopo la nomina del super esperto commissario, ops! scusate, ex-Assessore Provinciale Fragai, noto per essere anche stimabile collega assai vicino al ben più bravo Paolo Magnanensi.

Fragai parte dal sindacato per non finire mai...
Fragai parte dal sindacato per non finire mai…

Dunque noi saremmo cattivi e polemici, ma ci vorrete scusare: il mestiere di giornalisti ci piace farlo così, in salsa piccante.

Intanto che ad Agliana il segretario del Pd Del Fante si dimette per l’arrivo del commissario Fragai, cosa dobbiamo pensare della detenzione della delega all’Ambiente da parte di Betti? Il Pd, dopo aver “incastonato” la perla-Fragai, ha ottenuto il doppio effetto, riportando l’impianto di incenerimento sotto la sua diretta direzione e controllo.

Insomma due piccioni con un fava, dove i “due piccioni” sono le linee di indirizzo politico sancite dal Piano Interprovinciale Rifiuti delle Province di Firenze, Prato e Pistoia!

 

 

BOCCACCIA MIA, STATTI ZITTA!

 

L’impietoso Provolino dalla bocca larga
L’impietoso Provolino dalla bocca larga

DICEVA SEMPRE così Provolino, un pupazzaccio cattivo della nostra gioventù.

Purtroppo, però, ci è toccato prendere il suo posto, anche se a Agliana ci farebbero volentieri fuori (vedi le Porte Aperte [ma quanto?] di don Tofani e le incazzose pie donne della chiesa e della Misericordia di Artioli: nonché le news entries della politica mangoniana, tutte brave bimbe che assomigliano molto alla Maria Elena Boschi [& Baccani], anche se partite da Cuperlo…). E ci farebbero volentieri fuori perché andiamo troppo a spulciare tra le carte di chi governa per grazia di Dio, più che per volontà della nazione…

Così affondiamo il coltello nella piaga, perché è giusto: dato che le dimissioni di Del Fante – che si lamenta di non essere stato avvisato dell’operazione Fragai – sono la confessione più palese, lampante e vergognosa del reale commissariamento della Piana da parte del Pd.

Ma non si preoccupino i teneri virgulti della Giunta aglianese: di correnti non ce ne saranno mai, lungo il loro mandato. Tutti i nuovi assessori dovranno fare come le famose galline della barzelletta in cui il pappagallo svuota il camion del contadino perché, pur di approfittare sessualmente di esse, rivolge a tutte la stessa domanda: «Me la dai o scendi?». E man mano che le galline dicono di no, il pappagallo le scaraventa giù dal carro.

È un destino: correnti non ce ne saranno. Ci sarà pace. Tra i comunisti c’è sempre stata pace – anche ora che sono superinquinati dai veterodemocristiani riciclati. O gli organici la daranno al partito, o il Partito Democratico[cristiano], come il famoso pappagallo arrapato, li scaricherà per strada con un bello «scendi!».

P.S. – E non sarà mica successa la stessa cosa anche all’Eleanna perché non voleva più l’inceneritore…?

e.b.

Vedi: http://linealibera.info/montale-la-quaterna-di-betti/

Scarica: Dimissioni Del Fante-Commissariamento Agliana

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “PIANA COMMISSARIATA: ORA IL PD PUÒ BRUCIARE A RUOTA LIBERA

Lascia un commento