piazze casaline. UN PO’ DI STORIA LOCALE

La vecchia piazza di Casalguidi

CASALGUIDI. Un cartello storico-turistico  da oggi indica la storia e localizza l’antica piazza del Mercato vecchio di Casalguidi, posta nell’attuale via Pollacci.

Attualmente il luogo è un giardino pubblico di modeste dimensioni, ma quando fu realizzata è pensabile che fosse di entità più corpose.

Il 9  dicembre 1873 fu deliberato  dal consiglio comunale di Serravalle di effettuare un mercato mensile ogni primo martedì, perché nel luogo e nei dintorni la popolazione da tempo effettuava con piacere contrattazioni di bestiame.

Nell’anno 1874-1875 e 1876 l’annuale Fiera di Casalguidi veniva  effettuata nella piazza della chiesa e  lungo il tratto della via circostante.

Su indicazione della Società delle feste industriali e popolari di Casalguidi, il consiglio comunale deliberò,  l’11 marzo 1875, la costruzione della nuova piazza. Questa doveva sorgere sui terreni di Raffaele Dori e in parte di Pollacci.

Oltre alla costruzione della nuova piazza, il comune si impegnò anche alla manutenzione della via Catavoli e del tronco di via Casalina che la attraversava fino alla vecchia provinciale.

L’accollatario dei lavori fu l’ingegnere Antonio Giachetti, perché la sua impresa era già esecutrice di un tratto della via vecchia provinciale, in costruzione dal 1872.

La spesa dell’opera fu quantificata in lire 1.903,69, di cui lire 400 pagate dalla Società delle feste industriali.

Oltre all’impresa esecutrice, parte lavori furono eseguiti  dall’impresa Casalina di Oreste Biagini.

Completata nel novembre 1876,  oltre a ospitare i mercati mensili del bestiame, divenne, insieme alla piazza della chiesa, luogo principale di svolgimento dell’annuale Fiera di Casalguidi.

Con l’ampliamento della piazza prospiciente la chiesa e il completamento della nuova via provinciale Montalbano (1904),  il sito perse la sua funzionalità e il mercato e l’annuale fiera furono spostati nelle zone adiacenti la parrocchia e via Pollacci.

Roberto Daghini
Presidente Commissione Cultura Serravalle Pistoiese

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento