pieve a nievole. IRREGOLARITÀ PROCEDURALE, LE CHIACCHERE STANNO A ZERO

Leonardo Cialdi, capogruppo del “Centro Destra per Pieve” replica al Sindaco Diolaiuti
Leonardo Cialdi

PIEVE A NIEVOLE. Con la presente il sottoscritto Cialdi Leonardo, in qualità di Capogruppo del gruppo consiliare Centro Destra Per Pieve, risponde alle accuse mosse al sottoscritto ed al Consigliere Comunale Lupori Nadia (anche lei facente parte del gruppo sopraindicato) circa le falsità che avremmo detto in merito al mancato invio da parte dell’Amministrazione Comunale di Pieve a Nievole della documentazione inerente la riunione del Consiglio Comunale fissata per oggi venerdì 20 settembre 2019.

Rinnego nel modo più assoluto di aver ricevuto tutta la documentazione necessaria e propedeutica ad un’azione di verifica e controllo da parte nostra sugli argomenti sui quali il Consiglio sarà chiamato a discutere e deliberare in occasione della prossima seduta e, soprattutto, di averle ricevute né a mano né tantomeno a mezzo posta elettronica certificata.

Soltanto al sottoscritto sono pervenuti alcuni documenti presso la casella di posta elettronica che uso per l’esercizio della mia professione (non certificata); nonostante lunedì 16 u.s. mi sia recato di persona presso gli uffici comunali per farmi consegnare la documentazione cartacea ho soltanto ottenuto rassicurazioni su un tempestivo invio digitale perché questa non mi è stata fornita.

Nella giornata di martedì insieme al consigliere Lupori ho presentato un esposto presso il Prefetto perché a tale data non avevamo ricevuto ancora tutta la documentazione necessaria (nonostante parte di quest’ultima fosse stata chiesta anche dal Consigliere tramite PEC già la scorsa settimana, appena avuta notizia dell’imminente riunione del Consiglio Comunale.

Alle ore 17:27 di ieri giovedì 19 settembre 2019 (poco più di 24 ore prima della prossima seduta consiliare) ho finalmente ricevuto per PEC tutta la documentazione, che, se davvero fosse stata inviata come sostiene il Sindaco, non sarebbe certo stata reinoltrata…

Che sia stato di aiuto l’uscita del nostro articolo sulla stampa?

Gilda Diolaiuti

Forse il Prefetto avrà ben altro da fare, come dice il Sindaco: chissà, magari il Prefetto vorrà accogliere il nostro esposto e porre attenzione su episodi di questo tipo perché evidentemente non succedono per caso, visto la reazione sproporzionata del Sindaco.

Rinnego nel modo più assoluto che tutta la documentazione propedeutica alla riunione del Consiglio Comunale sia pubblicata sull’Albo Pretorio del Comune, visto che giovedì 12 u.s. – quindi non 10 giorni prima di venerdì 20 p.v. — è stata iscritta all’Albo l’approvazione dello schema del bilancio consolidato anno 2018 omettendo però la contestuale pubblicazione del documento fondamentale per la lettura e comprensione del bilancio stesso, cioè la relazione dell’Organo di Revisione, della quale veniva promesso (da parte del Responsabile di settore economico-finanziario, amministrativo e di supporto) l’invio a breve con PEC datata 14 settembre 2019 (prot. 14691).

Poiché le chiacchiere, per quanto mi e ci riguarda, come si suol dire stanno a zero invitiamo il Sindaco Diolaiuti, che ricopre anche il ruolo di Presidente del Consiglio Comunale, a dare dimostrazione e prove dell’invio di tutta la documentazione a TUTTI i consiglieri e non solo ai Capi Gruppo (cosa molto semplice da fare: basta pubblicare le ricevute delle PEC inviate); solo dopo potrà permettersi di uscire sui giornali per sminuire come suo solito l’opposizione e il suo operato.

Anche per questo, a nostro avviso, l’atteggiamento dell’Amministrazione Comunale nei confronti del nostro gruppo non è assolutamente volto a favorire la collaborazione e il mancato accoglimento di alcuni spunti ed approfondimenti nonché contributi offerti dall’opposizione lo dimostrano; lo dimostra il non accoglimento delle mozioni proposte dal mio gruppo in merito alla costituzione di commissioni come quella sul Bilancio, per noi fondamentali, che sono presenti in molti Comuni e che erano presenti anche in quello di Pieve a Nievole fino al 2014, anno del primo mandato dell’attuale Sindaco.

Collaborare ed auspicare sono delle belle parole: peccato, però, che nei fatti finora non abbiamo trovato alcun riscontro oggettivo.

Lo stesso Sindaco afferma che vi sono documenti che addirittura ci sarebbero stati inviati già 10 giorni prima della riunione del Consiglio… Ad onore del vero la convocazione del consiglio ci è pervenuta a mezzo PEC alle ore 12:25 di sab. 14 settembre 2019 (quindi 6 giornate – nemmeno intere – prima della seduta in questione).

Per quanto attiene agli atti di protagonismo di cui il Sindaco ci accusa, come le ripetute frasi volte a rimarcare che siamo nuovi ed inesperti nonché pieni di scorie elettorali, mi preme ribadire che sono fiero di essere nuovo ed inesperto: se il suo standard di efficienza ed esperienza è espresso dal suo atteggiamento accentratore noi rispondiamo semplicemente e umilmente che questo modo di essere non ci appartiene.

Un’ultima considerazione: forse le scorie elettorali sarebbe bene se le scrollasse di dosso il Sindaco perché, chiamata ad una riconferma, non l’ha rivotata nemmeno un cittadino su due, mentre io ed il mio gruppo, benché giovani ed inesperti, abbiamo ottenuto il miglior risultato in termini di percentuale tra tutte le liste di Centrodestra che non hanno vinto al primo turno in tutta la provincia di Pistoia.

Sindaco Le ribadisco…… le chiacchiere stanno a zero……

Leonardo Cialdi – Capogruppo “Centro Destra per Pieve”

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email