pieve-raddoppio binari. «NESSUNO VUOLE SOTTOPASSI E MURI!»

Le richieste del Comitato per il Territorio di Pieve presentate al Sindaco
L'assemblea di venerdì
L’assemblea di Pieve a Nievole

PIEVE. Si è svolta venerdì sera presso i locali della Misericordia una assemblea pubblica promossa dal Comitato per il territorio di Pieve a Nievole per illustrare lo stato del progetto e dei prossimi lavori del raddoppio della ferrovia Pistoia-Lucca compresa l’opposizione dei cittadini alla realizzazione di un sottopasso.

A questo proposito il comitato scrive:

Ringraziamo la Misericordia di Pieve a Nievole per la disponibilità e gli oltre 100 partecipanti all’incontro pubblico di venerdì sera. Ringraziamo l’architetto Cianciosi, l’avvocato Cannizzaro per le utili notizie in merito agli espropri, M. Gentili del Comitato “MontecatiniUnasola” che ha sottolineato la mancanza di trasparenza e di informazione da parte delle amministrazioni e R. Ciofi che ha parlato di sicurezza stradale e ha messo in luce le pericolose conseguenze di opere come sottopassi e sottovia. Ringraziamo anche F. Capaccioli per il contributo tecnico.

I relatori
I relatori

La disapprovazione rispetto alle opere che ci aspettano:

  • un sottovia carrabile in una zona allagabile e quindi pericolosa (sia esso profondo 8 o 6 metri)
  • un sottopasso pedonale largo appena 2,50 metri, ad angolo retto

è stata ampiamente condivisa e oggi, a distanza di qualche ora dalla presentazione della soprelevata, sono molti i cittadini che ci hanno chiamato per esprimere il loro apprezzamento, la loro preferenza sul progetto dell’architetto Cianciosi. Nessuno vuole sottopassi e muri!

Riguardo all’intervento del nostro Sindaco riteniamo che raccontare nuovamente l’iter che dal 2004 ha portato alla scelta della strada e del sottopasso nell’area “Minnetti” sia inutile. Il percorso andava condiviso a partire da quegli anni.

Zona piazza XXVII aprile
Zona Piazza XXVII Aprile alla Pieve

Nessuno è caduto dal pero oggi; non c’è stata data la possibilità di scegliere in passato. Chiediamo al Sindaco che si adoperi per ottenere una variante al progetto.

Per l’utilizzo del doppio binario dovremmo aspettare la realizzazione della galleria del Serravalle, per la quale si stimano almeno tre anni di lavori.

Crediamo che in tre anni ci sia tutto il tempo necessario per variare e vedere realizzato l’ultimo km della tratta che riguarda il territorio pievarino, in modo migliore di quello previsto oggi.

Chiediamo al Sindaco che si adoperi per la sopraelevazione della ferrovia che sarebbe la soluzione di tutti i nostri problemi di viabilità! Chiediamo infine, come comitato di cittadini, di poter partecipare all’incontro presso il ministero di cui il sindaco ci ha parlato.

Comitato per il territorio
di Pieve a Nievole

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento