piscina fedi. CHECCUCCI (FDI): «PROVINCIA PRENDA IN MANO LA SITUAZIONE»

Checcucci davanti alla piscina Fedi

PISTOIA. “La Provincia deve seriamente prendere in mano la situazione della piscina Fedi che è chiusa dal 2016 da quando i vigili del fuoco dichiararono che la struttura era inagibile. Sono trascorsi due anni e la zona attigua è in stato di abbandono che, specialmente di notte, si presta a situazioni di dubbia natura.”

Ad aprire di nuovo il caso Fedi è il consigliere di FDI Checcucci Emanuela che punta il dito sulla  provincia – Come cittadina , a nome dei pistoiesi, vorrei sapere che cosa vuole fare il Presidente di questa struttura natatoria.
“Vorrei ricordare -continua il consigliere- che Pistoia ha atleti di nuoto di punta da Nesti, a Bonacchi ,a Gabrielleschi costretti ad allenarsi fuori città pagando la retta alla società Nuotatori Pistoiesi, che rischia di chiudere ,se non ci sarà un cambiamento positivo, come ha dichiarato giorni fa il presidente Lotti”.

“Auspico -conclude Checcucci- che a breve il presidente Vanni possa dare a tutti i cittadini Pistoiesi risposte concrete sul futuro della piscina  Fedi perché il nuoto oltre ad essere uno sport  è un’attività fondamentale di prevenzione e di terapia per importanti patologie : molti utenti che ne  hanno bisogno a causa della chiusura della struttura o rinunciano o sono obbligati a rivolgersi a strutture private con  non pochi disagi economici e di trasporto”.

Emanuela Checcucci

Consigliere Comunale Fratelli d’Italia.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento