pistoia. A PROPOSITO DI PEDONALIZZAZIONE…

Piazza della Sala
Piazza della Sala

PISTOIA. Scrivono due lettori:

“Il Pums, recentemente presentato nell’assemblea pubblica del 13 ottobre scorso, prevede la creazione di nuove aree pedonali che sembrano essere assolutamente necessarie a garantire una maggiore vivibilità alla cittadinanza. A tale proposito vorremmo esprimere il nostro parere di residenti e proprietari di un’abitazione dell’attuale Apu, istituita dieci anni fa.

Sorvoliamo sul metodo dittatoriale con cui l’area pedonale fu istituita dall’allora Giunta Berti, ma non possiamo ignorare che tale intervento non fu accompagnato da alcuna riqualificazione dell’area interessata, in termini di arredi urbani, illuminazione, verde pubblico e che nel corso degli anni niente è stato fatto in questo senso. Passiamo quindi a descrivere i risultati che la pedonalizzazione del comparto Sala e delle ristrette aree limitrofe ha prodotto.

I residenti dell’attuale Area Pedonale Urbana vivono in una sorta di “riserva indiana”e sono costantemente assediati dagli arredi dei locali di ristoro e  dai bidoni esposti dai suddetti locali che negli ultimi dieci anni sono proliferati  in  modo  esponenziale, fino ad occupare il più piccolo “buco”, in barba a qualsiasi norma igienica. Naturalmente insieme ai bidoni della spazzatura sono proliferati i topi, o meglio i talponi, che circolano indisturbati anche di giorno.

L’inaccessibilità dell’area comporta problemi di ritardo nell’arrivo dei mezzi di soccorso, con grave danno per  chi vi abita , per chi la frequenta e per chi ci lavora;  anche perché in questi dieci anni non è stato previsto un percorso di accesso riservato a tali mezzi. Inoltre il permesso di accesso con l’auto da parte dei residenti per le operazioni di carico/scarico , ottenuto fra l’altro con una battaglia che  nel 2007  per la prima volta portò al ballottaggio l’allora sindaco, non consente di fatto  di raggiungere tutte le abitazioni  (es  via della Nave e via del Lastrone) ed è assolutamente inutile nelle due mattinate del mercato settimanale e in occasione delle numerose manifestazioni organizzate in piazza della Sala.

L’area è pressoché morta durante il giorno perché i negozi di altro genere sono stati chiusi e i pochi che ci sono sopravvivono a stento. E che fine faranno quando accanto al cinema Lux sarà aperto un nuovo supermercato ?  In  compenso il comparto gode di  una fervida vita notturna, quando l’afflusso degli avventori è favorito, oltre che dalla presenza di numerosi locali notturni,  dal servizio di navetta gratuito messo a disposizione dall’Amministrazione Pubblica.

L’assoluta mancanza di controlli poi non contrasta i  comportamenti trasgressivi,  incrementati  anche dal diffuso consumo di alcolici e di “fumo”, per cui  gli schiamazzi e la musica ad alto volume  accompagnano le notti dei residenti che al mattino si vedono costretti a ripulire le aree antistanti le loro abitazioni da ogni tipo  di lordura umana.

Visti i  risultati, prima di pedonalizzare nuove aree non sarebbe opportuno creare nuovi parcheggi e pensare a qualificare quella presente, garantendo una maggiore e vera vivibilità a  tutti, residenti compresi?  Anche perché:  quanti ancora, per motivi affettivi o perché attratti dalle bellezze monumentali della zona, continueranno a restaurare le vecchie abitazioni per risiedervi? Quale sarà il futuro del nostro bel centro storico se i residenti continueranno ad andarsene?”

[lisetta bongi – silvio ribeiro]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento