PISTOIA BLUES, APPROVATO DAL SENATO IL DISEGNO DI LEGGE

Ieri il via libera a riconoscimento del Festival tra le manifestazioni di assoluto rilievo internazionale

Pistoia blues 2014

PISTOIA. ll disegno di legge sul Pistoia Blues è stato approvato ieri in prima lettura al Senato. Un passaggio importante, atteso da tempo, affinché il Festival pistoiese sia inserito tra le manifestazioni musicali e operistiche di assoluto rilievo internazionale, come chiesto attraverso la proposta di legge d’iniziativa del senatore Patrizio La Pietra presentata pubblicamente a Roma dal sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi nel 2019, in occasione dei quarant’anni di storia della manifestazione.

«Fin dall’inizio del mandato – dice il sindaco Tomasi — abbiamo lavorato per ottenere il giusto riconoscimento, anche in termini economici, del Blues. Oggi si vedono i frutti del nostro impegno che potrà portare ricadute importanti sul territorio. Aspettiamo il passaggio alla Camera ma, naturalmente, la notizia che arriva da Roma non può che essere accolta con grande soddisfazione dalla nostra città. La possibilità di ottenere un riconoscimento, il giusto riconoscimento – sottolinea il sindaco – per il Pistoia Blues, rappresenta un’occasione fondamentale per il futuro del Festival e per la sua valorizzazione.

Questa, infatti, non è una manifestazione che si può esaurire nei soli concerti a pagamento, nell’acquisto di un biglietto. Per noi pistoiesi non è mai stato questo, e nemmeno per i tanti che negli anni, da tutta Europa e oltre, sono venuti nella nostra città nel periodo del Blues.

Certo, nei decenni il festival ha subito una profonda trasformazione. Il tema non è quello di pensare ad un ritorno al passato, che chiaramente non potrà mai esserci perché nel frattempo è il mondo ad essere cambiato, ma è invece quello di valorizzare un patrimonio che è indissolubilmente legato alla città di Pistoia e che deve essere, per merito, ricompreso tra i festival di assoluto rilievo internazionale, perché è la posizione che di fatto occupa.

Questo riconoscimento ci darà i mezzi per sostenere il Blues da un punto di vista artistico, culturale ed anche economico. La città non potrà che beneficiarne. Noi siamo pronti, Pistoia è pronta a vivere ancora per tanto tempo il suo festival».

Dopo il passaggio al Senato di ieri, è atteso quello alla Camera per l’approvazione finale (nel caso in cui il testo non dovesse essere emendato). Una volta concluso l’iter, il Blues sarà inserito tra le manifestazioni riconosciute dalla legge 238 del 20 dicembre 2012 affinché il nostro Festival sia finalmente sostenuto come avviene per altri festival italiani.

Nel caso specifico il sostegno sarebbe pari a 250mila euro all’anno. Il ddl è stato sottoscritto da tutti i senatori pistoiesi, senza distinzione di appartenenza politica, e dal senatore Antonio Iannone membro della Commissione istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport.

Un primo riconoscimento era già arrivato alla fine del 2019 con l’emendamento – presentato sempre dal senatore La Pietra — approvato dalla commissione bilancio del Senato per lo stanziamento di 500mila euro in due anni da destinare al Pistoia Blues.

[comune di pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email