pistoia. CAMBIAMO!: “BASTA ALLA GESTIONE APPROSSIMATIVA DELL’EMERGENZA”

Se avessimo avuto gli ospedali della provincia con gli stessi posti letto di prima della gestione Rossi, avremmo affrontato sicuramente meglio la pandemia”

PISTOIA. All’indomani della protesta di ambulanti, negozianti, parrucchieri svoltasi a Pistoia, come comitato provinciale di Cambiamo! Ci associamo alle richieste di questi.

Finalmente la provincia di Pistoia è in arancione dopo oltre 50 giorni in rosso. Ha pagato un conto altissimo rispetto ad altre province della Toscana che sono state arancioni fino a poco tempo fa.

Poi, come si è visto, l’aver chiuso tutti i comuni della provincia, anche chi aveva numeri da arancione se non gialla, non ha influenzato l’andamento dei contagi.

Certo capiamo l’emergenza sanitaria, ma non si può continuare solo con la politica delle chiusure, che sta sfociando oltre che nella crisi economica, in una sociale senza precedenti.

Se avessimo avuto gli ospedali della provincia con gli stessi posti letto di prima della gestione Rossi, avremmo affrontato sicuramente meglio la pandemia e oltre che ai malati, avremmo dato più sollievo alle attività.

Giani invece di ripristinare la sanità com’era un tempo e organizzare al meglio i vaccini cosa fa? Un’ulteriore stretta per Pasqua, con un preavviso di 24 ore, che mette ulteriormente in ginocchio il mondo del lavoro.

Pistoia e la provincia non posso subire ulteriormente una gestione così approssimativa dell’emergenza. Siamo e saremo sempre dalla parte di chi chiede solo di lavorare.

Antonio Gambetta Vianna
Coordinatore provinciale Cambiamo! Pistoia

Marco Poli
Coordinatore provinciale vicario Cambiamo! Pistoia

Il comitato provinciale Cambiamo! Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email