pistoia. «CITTADINI, PER LA CARTA C’È IL RITIRO PROGRAMMATO»

I pacchi di carta fuori dai cassonetti
I pacchi di carta fuori dai cassonetti

PISTOIA. Del degrado urbano che la foto riporta, si può incolpare solo i cittadini che hanno contribuito a crearlo.

I bidoni dell’immondizia nella fotografia appaiono in buono stato, non ricolmi di spazzatura, quindi svuotati con una cadenza ottimale al loro funzionamento: raccogliere la spazzatura così da evitare che venga accatastata per strada.

Diversa è invece la questione riguardante quei pacchi di immondizia contenenti solo rifiuti di carta, i quali devono essere conservati da ogni famiglia nella propria abitazione, esibendoli poi davanti casa qualche ora prima che avvenga il loro apposito ritiro.

È molto semplice: se hai un garage, li terrai nel garage; se hai un terrazzo, li terrai sul terrazzo; se non hai né l’uno né l’altro, li terrai sotto al letto. Non sta parlando un cittadino esemplare, per carità, ma questo è semplice buon senso.

Oltretutto, le abbondanti piogge di questi giorni hanno finito per distruggere questi scatoloni e sacchetti di carta formando una poltiglia marrone che fa somigliare la strada ad un campo di patate.

L’aspetto assurdo (ma talmente assurdo che fa quasi ridere) è che le persone che scaricano la loro carta accanto ai bidoni, sono esattamente quelli che abitano in quella zona, e che quindi si trovano questo orrendo spettacolo davanti gli occhi ogni giorno.

E allora si va oltre la mancanza di buon senso, poiché è lecito parlare di mediocrità e ineducazione. Questa foto, difatti, ritrae i bidoni dell’immondizia in una via in una zona residenziale ed elegante della città. Il disinteresse delle stesse persone che vi abitano a mantenerla in buono stato è solo quindi possibile addebitarlo alla loro inciviltà e grossolanità.

Dovremmo smetterla di stupirci quando vediamo le immagini di alcune zone di Napoli sommerse dai rifiuti, o della così detta “terra dei fuochi” con i suoi incendi dolosi appiccati all’immondizia anche tossica, poiché il principio di fondo è il solito: infischiarsene di ciò che ti circonda e non riuscire a guardare oltre la punta del proprio naso.

Pistoia capitale della cultura? Come si suol dire, perle date ai porci.

[Lorenzo Zuppini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento