pistoia. “EXTRA MOENIA” LECTIO MAGISTRALIS DI TAZZI

masse mancanti #14_Pagina_1PISTOIA. Nel corso della conferenza alla Fondazione Jorio Vivarelli (via Felceti 11) domani, venerdì 18 marzo alle 17:30, presenterà degli esempi di sue mostre realizzate, in cui l’arte trova speciali collocazioni al di fuori del museo e degli spazi istituzionali.

Seguirà un piccolo aperitivo per i presenti.

La conferenza di Pier Luigi Tazzi

L’arte, a seguito dell’evoluzione e alla fine del domimio planetario del suo modello occidentale, pur mantenendo una posizione di privilegio nell’ambito della cultura e della civiltà umane, da oltre due secoli è considerata alla stregua di una specie minacciata di estinzione che necessiti di aree protette per la propria sopravvivenza e il proprio sviluppo.

A questo scopo sono sorti prima i musei che ne hanno assicurato lo spazio di esistenza, quindi di lì a poco la storia dell’arte che ne ha garantito una durata legittima nel tempo.

Successivamente, a partire dalla seconda metà del XX secolo, si sono create altre istituzioni e altri spazi che ne hanno consentito la continuità fino al momento attuale: la galleria commerciale, il centro d’arte, le grandi mostre, per esser seguite da altri quadri contestuali quali il parco, il contesto urbano, l’ambiente in senso molto allargato, l’universo virtuale.

Extra Moenia si propone di trattare tutte quelle manifestazioni fuori quadro, tentate, attraversate, esperite, che hanno sottoposto l’opera d’arte all’azzardo dell’aperto.

Biografia

La Fondazione Vivarelli a Villa Stonorov
La Fondazione Vivarelli a Villa Stonorov

Pier Luigi Tazzi (Colonnata, Italia, 1941) vive a Capalle, Italia, e a NongPrue, Thailandia. Curatore e critico d’arte, è presidente della Fondazione Lanfranco Baldi onlus, Pelago, dal 1998, e direttore del catalogue raisonné di Adel Abdessemed, dal 2013.

La sua vasta attività di curatore ha compreso mostre come: XLIII Esposizione Internazionale d’arte / La Biennale di Venezia, 1988; Documenta IX, Kassel 1992; Wounds / Democracy and Redemption in Contemporary Art, Moderna Museet, Stockholm 1997; Watou Poeziezomer 2001 / “Een lege plek om te blijven”; Arte all’Arte 6 / Voices over, Volterra Colle di Val d’Elsa Montalcino Casole d’Elsa San Gimignano Poggibonsi 2001; Spread in Prato, Prato 2002 2003 2004 >…2010; Happiness/ A Survival Guide for Art end Life, Mori Art Museum,Tokyo 2003; Rites de Passage, Schunck-Glaspaleis, Heerlen 2009; Aichi Triennale 2010 / Arts and Cities, Nagoya; Adel Abdessemed: L’age d’Or, Mathaf, Doha, 2013/2014.

L’ultima mostra curata Trittico Famigliare, Far, Rimini, 8 agosto – 6 settembre 2015.

L’ultimo libro [Adel Abdessemed /Entretien Avec Pier Luigi Tazzi] (versione cinese), Cantonbon, Guangzhou 2015.

L’ultimo testo pubblicato Or Perhaps Just For ThAT, (trilingue: italiano, inglese, tailandese), Bangkok Citycity Gallery, Bangkok 2015.

L’ultima attività performativa in: Francesca Banchelli / Before The Name, London 2015.

Scarica: masse mancanti #14

[vannucci – fondazione caript]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento