pistoia. GIUNTA, GUAI E GRATTACAPI PER TUTTI

La giunta Bertinelli [foto La Nazione]
La giunta Bertinelli [foto La Nazione]
PISTOIA. Non si ferma l’ondata di guai che sta risucchiando la giunta. Il sindaco Samuele Bertinelli e gli assessori Tina Nuti e Mario Tuci iscritti nel registro degli indagati ex art. 335 codice penale.

È arrivata come un fulmine a ciel sereno questa mattina, 20 gennaio, la notizia che il primo cittadino ha voluto comunicare personalmente ai giornalisti in conferenza stampa questo pomeriggio, nella sala del Gonfalone, dopo aver riunito i capigruppo del consiglio comunale.

La notizia dell’iscrizione nel registro degli indagati della vicesindaco Daniela Belliti era giunta solo l’altro ieri, mercoledì 18 gennaio.

Le ipotesi di reato sono tendenzialmente le stesse per tutti: concorso in abuso d’ufficio, concussione e falso ideologico, più un’ipotesi di corruzione impropria che riguarderebbe solo Bertinelli. In tutto verrebbero contestati dalla Procura della Repubblica 14 episodi dal 2012 al 2016 per la ben nota vicenda delle nomine dirigenziali all’interno del Comune stesso.

“Per quanto mi riguarda non è cambiato nulla – ha ribadito più volte uil primo cittadino – sono assolutamente certo di ogni atto compiuto e non esiste alcuna informalità da parte mia: ho sempre tenuto le dovute distanze con tutti”.

“Si ipotizza che l’iscrizione di Tuci e Nuti nel registro degli indagati sia per le stesse motivazioni che rigurdano me e la vicesindaco. Hanno fatto loro stessi richiesta ex articolo 335 e hanno avuto la risposta proprio stamattina – ha continuato Bertinelli – l’assessore Becheri è invece in attesa di risposta”.

“Davo per scontato che ci fossero indagini, anche se il loro andamento è stato turbato dalla fuga di notizie”.

Era il 4 agosto scorso quando sul quotidiano La Nazione era uscita la notizia di inchieste giudiziarie sull’intera giunta Bertinelli, inchieste che ipotizzavano reati come concussione, associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, abuso d’ufficio e falso ideologico.

Le indagini, scriveva il quotidiano, sarebbero state condotte per mesi, in gran segreto, dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Pistoia, dopo una denuncia, presentata da alcuni dipendenti del Comune di Pistoia. Secondo le accuse, Bertinelli e la sua giunta avrebbero interferito nei concorsi e alterato le graduatorie per favorire assunzioni di nuovi dirigenti.

Ebbene quelle notizie, seppur fossero state “perseguitate” da ogni parte e luogo, con tanto di perquisizione nell’abitazione del giornalista che le aveva scritte, erano vere.

E Bettinelli, oggi, ha continuato a parlare di trasparenza all’interno della sua amministrazione, accennando anche alla sua futura ricandidatura a sindaco.

“Il partito è pienamente rappresentativo, pur con le sue doglie – ha ribadito – non c’è e non ci sarà mai un commissariamento. Mi sento del tutto garantito da questa procedura. Anzi, l’ipotesi dell’associazione a delinquere è totalmente sparita. Ho anche fatto personale richiesta per essere ascoltato e sono sempre nelle condizioni di poter documentare ogni mio atto”.

[Alessandra Tuci]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “pistoia. GIUNTA, GUAI E GRATTACAPI PER TUTTI

  1. Da: mario capecchi
    Oggetto: Pistoia, Capitale della Procura?
    ____________________

    Pistoia, capitale della “Procura”?
    Sindaco, Vice Sindaco e altri due assessori nel registro degli indagati.
    Contemporaneamente giunge la sentenza del Tribunale di Pistoia per il processo “Untouchables” che condanna a varie pene 16 imputati fra imprenditori e amministratori pubblici (fra i quali l’ex dirigente dell’ufficio lavori pubblici del comune di Pistoia a sei anni e nove mesi).
    Non c’è che dire. Una bella cartolina per Pistoia e per la sua Amministrazione Pubblica.
    E anche una bella iniezione di fiducia per i pistoiesi in vista delle prossime elezioni comunali.

    Eh si, la democrazia borghese è veramente affidabile. ci fa dormire sonni tranquilli.

    O non sarà, invece, che (parafrasando) la democrazia borghese porta il malaffare come le nuvole portano la tempesta?

  2. Un codice etico voluto dagli amministratori serravallini e completamente inosservato.
    Ma cosa lo avete approvato a fare??? Così si capisce meglio con chi abbiamo a che fare

  3. Sempre sostenuto che i finti comunisti del PD sono e resteranno sempre i peggiori, falsi e viscidi.
    gente che campa politicamente di compromessi e voti di sc ….
    La colpa non è la loro, ma di chi gli da il voto da 60 anni! !!!

Lascia un commento