pistoia. GUANO OVUNQUE ALLE SCUOLE COLLODI

Il consigliere Betti chiede in che modo l’amministrazione possa sopperire a questo problema
Guano alle Collodi
Guano alle Collodi

PISTOIA. Questa l’interrogazione urgente sui piccioni bombardieri.

PREMESSO CHE:

Il piccione è portatore di circa 60 malattie, alcune delle quali mortali, contagiose per l’uomo e per gli animali domestici, i cui agenti patogeni vengono trovati nei loro escrementi.

Citiamo solo alcune tra le più comuni e pericolose: Salmonellosi, Criptococcosi, Istoplasmosi, Ornitosi, Aspergillosi, Candidosi, Clamidosi, Coccidiosi, Encefalite, Tubercolosi, ecc.

ACCLARATO CHE:

Alle scuole Collodi il guano è ormai depositato su tutto l’ambiente circostante con copiosità imbarazzante.

RIMEMBRANDO CHE:

Il progresso scientifico ha ideato protocolli tecnici di intervento risolutivi per risolvere il detto problema.

SI INTERPELLA PER SAPERE SE:

Se quanto acclarato risponda al vero e in che modo l’amministrazione intenda intervenire e con quali tempi.

Scarica: piccioni bombardieri alle collodi

Andrea Betti

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “pistoia. GUANO OVUNQUE ALLE SCUOLE COLLODI

  1. Bravo Betti.
    Era ora di porre davvero l’attenzione su questo problema, sottolineando con forza, in particolare, le tante malattie che il piccione porta. Vorrei far presente comunque che la questione non è limitata alle Scuole Collodi, ma riguarda diverse zone della città, tra cui La Vergine (in particolare l’interno del cimitero) grazie alla enorme quantità di pane che viene scaricato nel limitrofo piazzale della S.A.P; la zona di Via Paganini e dintorni, grazie a qualche cretino che, a dispetto delle multe qualche volta irrogate dalle guardie ecologiche volontarie, continua a nutrire i suddetti animali con pane e pasta di vario genere, posta in un piccolo spiazzo erboso a lato del provveditorato; la zona di Monteoliveto, ed altre ancora.
    E’ possibile far partire davvero una azione repressiva come si deve? Ricordo che, per quanto riguarda il cimitero della Vergine, già quindici anni fa, partecipai ad una raccolta di firme che portò a tante promesse, ma a nessun provvedimento concreto.
    Piero Giovannelli

Lascia un commento