PISTOIA, IL PUNTO SUI LAVORI DI MANUTENZIONE DEL CONSORZIO DI BONIFICA

Marco Bottino: «La manutenzione va avanti spedita nonostante il grande caldo di questi giorni che mette a dura prova mezzi e uomini sia del Consorzio che delle ditte private affidatarie di certi servizi»
I mezzi del Consorzio a lavoro
I mezzi del Consorzio a lavoro

PISTOIA. Quando si parla della gestione dei corsi d’acqua e delle funzioni, competenze e capacità operative del Consorzio di Bonifica si dovrebbe stare attenti ad una precisa distinzione.

Non tutti i lavori sono uguali e in sostanza si potrebbe dire che c’è manutenzione e manutenzione: c’è quella ordinaria che consiste in tutti quei lavori quotidiani di controllo, esercizio e mantenimento in efficienza delle opere idrauliche (argini, casse di espansione, briglie, traverse, paratoie, etc.) e c’è quella straordinaria che sono in sostanza gli interventi più impegnativi di riparazione e di ripristino, per i quali possono essere previste anche nuove realizzazioni (protezioni in scogliera, rinforzi, nuove sistemazioni, etc.).

Che siano ordinarie o straordinarie l’estate è il momento migliore per le manutenzioni del Consorzio.

Sul territorio pistoiese il Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno è attualmente impegnato nello sfalcio della vegetazione e in particolare sono state già concluse le prime lavorazioni su Fosso Tazzera, Fosso Tazzerino, Rio Vinacciano, Rio dei Forti, Rio Castelnuovo, Rio Mandrione, Torrente Agna e Torrente Bulicata, mentre sono in corso in questi giorni su Torrente Torbecchia, Torrente Tazzera di Torbecchia e Fosso Fallita. Il programma completo per tutto il Medio Valdarno è disponibile alla pagina: http://www.cbmv.it/ambito-tecnico/piani-e-programmi.

“La manutenzione va avanti spedita nonostante il grande caldo di questi giorni che mette a dura prova mezzi e uomini sia del Consorzio che delle ditte private affidatarie di certi servizi – così il Presidente del Consorzio Marco Bottino –. A loro credo debba andare non solo il mio personale ringraziamento ma anche quello di tutti i cittadini”.

Riguarda sempre il pistoiese un altro caso di manutenzione, questa volta però straordinaria, relativa agli argini del Torrente Brana, dove dopo gli importanti eventi meteo di ottobre 2013 il Consorzio e la Provincia erano intervenuti con dei teli protettivi in nylon per arrestare nell’immediato il dilavamento ed il progressivo indebolimento delle strutture.

Marco Bottino, Presidente Urbat
Marco Bottino, Presidente Urbat

Il Consorzio ha già effettuato le riparazioni su quasi tutti i tratti interessati dai cedimenti.

Per quanto riguarda le recenti segnalazioni relative all’arginatura destra tra il ponte della ferrovia Lucca-Firenze ed il ponte degli Armacani, il Consorzio ha già intrapreso la progettazione preliminare che diventerà definitiva entro la fine di questo mese.

Il lavoro, di competenza del Consorzio, si configura come manutenzione straordinaria e pertanto soggetto all’approvazione e al finanziamento da parte della Regione Toscana all’interno del Documento Annuale per la Difesa del Suolo, così come previsto dalla nuova legge (LR 79/2012).

Il Consorzio ha anche riscontrato e segnalato alle autorità idrauliche la presenza di recinzioni, muretti, scalette, baraccamenti, pavimentazioni, e scarichi che indeboliscono e rendono impossibile la risistemazione di quel tratto d’argine.

“Ci preme far rilevare tutto questo per far notare come il lavoro del Consorzio sia complesso, articolato e difficile da svolgere – spiega il Presidente del Consorzio Marco Bottino –. Siamo comunque certi che insieme a cittadini e istituzioni si possa procedere in maniera responsabile e risolutiva per dare maggiore sicurezza idraulica a tutta l’area pistoiese”.

[consorzio di bonifica 3 medio valdarno]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento