pistoia. «IL VINCOLO PAESAGGISTICO PER IL TRATTO FIRENZE-MARE È SOLO BUROCRAZIA»

Il consigliere regionale Pd Marco Niccolai
Il Consigliere regionale Pd Marco Niccolai

FIRENZE. “Il vincolo paesaggistico per il tratto dell’autostrada Firenze-Mare nel territorio della provincia di Pistoia dovrebbe essere superato, perché non ve ne sono più le ragioni che portarono alla sua istituzione nel 1973 con un decreto ministeriale, riducendolo ormai ad un mero aggravio burocratico per tante imprese e cittadini”.

Lo pensa Marco Niccolai, consigliere regionale Pd, che ha iniziato ad occuparsi della vicenda dopo un confronto con l’amministrazione comunale di Massa e Cozzile, la quale aveva approvato anche una mozione in Consiglio Comunale per chiedere la rimozione del vincolo. Insieme a Massa e Cozzile, molti altri sono i comuni che hanno sollecitato sul tema.

“Il vincolo – afferma il consigliere – riguarda le zone adiacenti l’autostrada e attraversa molti comuni del nostro territorio. Ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale, che dovrebbe attivarsi nei confronti del Ministero competente affinché sia valutato il superamento del vincolo stesso. Infatti le aree interessate dal vincolo in oggetto sono da anni fortemente antropizzate nonché edificate, essendo state destinate urbanisticamente ad insediamenti produttivi e, pertanto, qualsiasi intervento, anche minimale sulle strutture esistenti comporta un notevole allungamento dei tempi di concessione con aggravio per cittadini ed aziende che insistono in questa determinata area”.

Già oggi infatti la sottoposizione di un’area al vincolo non comporta la sua inedificabilità, ma sottopone ogni intervento edilizio in tali aree (di qualunque genere) ad un vincolo superabile attraverso una specifica autorizzazione autonoma da parte di Società Autostrade per l’Italia, che si deve aggiungere al permesso di costruire o ad ogni altro titolo di tipo urbanistico-edilizio rilasciato dal Comune, con un notevole prolungamento di tempi anche per piccoli interventi di ristrutturazione.

Niccolai fa notare inoltre che il vincolo paesaggistico già oggi non riguarda tutti i comuni attraversati dall’A11 nella provincia di Pistoia ma quelli di Pieve a Nievole, Monsummano Terme, Agliana, Chiesina Uzzanese, Buggiano, Massa e Cozzile, Serravalle Pistoiese e Ponte Buggianese e non,

Un tratto dell'A-11 a Serravalle
Un tratto dell’A-11 a Serravalle

ad esempio Montecatini e Pistoia, ugualmente attraversati dall’A11, costituendo ciò una difformità evidente di cui non si riesce a comprendere la motivazione, elemento che rende il vincolo ancor di più atipico. Il vincolo infine ha mera natura paesaggistica e dunque non serve a preservare fasce di territorio per eventuali ulteriori di potenziamento della rete autostradale, come si potrebbe magari inizialmente pensare dalla denominazione dello stesso.

Per Niccolai “è sufficiente effettuare una mera ricognizione visiva del tracciato in oggetto lungo l’autostrada A11 Firenze Mare, in entrambe le percorrenze e direzioni, per accertare che non sembrerebbero sussistere più i requisiti previsti dal Codice del Paesaggio per il vincolo, dato il livello di forte antropizzazione del territorio e la presenza di insediamenti produttivi”.

Oltre al Comune di Massa e Cozzile, ad esempio anche quelli di Agliana e Monsummano negli anni hanno sempre chiesto la rimozione del vincolo autostradale senza ottenere risposta.

“L’attuale vincolo – conclude Niccolai – è ormai solamente un importante aggravio burocratico per imprese e cittadini, essendo stati superati negli anni i motivi che portarono all’istituzione del vincolo, tra l’altro anche in virtù delle decisioni del gestore della rete autostradale che ha consentito negli anni, tramite l’espressione dei pareri di competenza, lo sviluppo urbanistico delle aree sottoposte al vincolo stesso”.

[banchelli – gruppo Pd consiglio regionale toscana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “pistoia. «IL VINCOLO PAESAGGISTICO PER IL TRATTO FIRENZE-MARE È SOLO BUROCRAZIA»

  1. Buona sera Niccolai. Mi permetto di fare la traduzione in italiano: poichè negli ultimi 40 anni chi ha governato la Regione se ne è bellamente fregato del vincolo paesaggistico e quindi ormai il paesaggio di certe zone fa senso, tanto vale prenderne atto e aeguarsi, volentieri, alla realtà.
    Commento: certo che siete brravi però a vendervi fuori regione il modello paesaggistico- ambientale toscano. Vi basta mettere un paio di foto della provincia di Siena o della Maremma e li infinocchiate tutti. Fa niente se poi costringete la gente a vedere le Fornaci tutti i giorni, bere l’amianto tutti i giorni, respirare la diossina tutti i giorni…ma tanto gli inglesi mica lo sanno….
    Massimo Scalas

Lascia un commento