pistoia. IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E TUTELE OCCUPAZIONALI

Il Consiglio Comunale in seduta
Il Consiglio Comunale in seduta

PISTOIA. Il consiglio comunale di lunedì 17 ottobre si è aperto con quattro comunicazioni.

Il sindaco Bertinelli ha informato l’aula della visita del presidente del consiglio Matteo Renzi allo stabilimento Hitachi Rail Italy, definendola “positiva e molto significativa”.

Il presidente – ha riferito il sindaco – ha incontrato l’intero corpo aziendale, le autorità cittadine, i vertici dell’azienda e l’Ad di Trenitalia e ha sottolineato l’importanza e la strategicità dell’azienda pistoiese, non soltanto per Pistoia, ma per l’intero Paese.

“I contenuti dell’intervento del presidente – ha riferito Bertinelli – sono incoraggianti per l’intero territorio: il presidente ha infatti definito Pistoia come capitale italiana della produzione di treni e ha significativamente sottolineato il sostegno del Governo, al fianco dell’amministrazione, per l’anno di Pistoia capitale della cultura. Un impegno di cui siamo già oggi testimoni”.

Il sindaco ha ricordato, poi, come la realizzazione della nuova sala prove di Hitachi, inaugurata alla presenza di Renzi, sia stata possibile grazie a una precisa scelta compiuta dall’amministrazione e dal consiglio comunale di Pistoia che nel novembre 2013 ha approvato una variante al regolamento urbanistico per la modifica delle norme tecniche di attuazione relative alle altezze degli insediamenti produttivi.

Esempio questo, secondo Bertinelli, di come questa amministrazione abbia interpretato la pianificazione urbanistica anche come leva a sostegno della produzione. In ultimo, il sindaco ha ricordato come la vicenda dell’amianto, toccata anche da Renzi nel suo intervento per i profili risarcitori e previdenziali, abbia visto un impegno significativo e su più fronti da parte dell’amministrazione comunale, a partire dal conseguimento del risultato della bonifica totale dello stabilimento.

Il Consigliere Andrea Betti
Il consigliere Andrea Betti

A seguire, Del Bino del Movimento 5 stelle ha voluto denunciare la sporcizia e lo stato di trascuratezza riscontrato nei pressi di un deposito situato all’interno dell’area ferroviaria, dove, a detta del consigliere, dormono anche alcune persone senza fissa dimora.

Sulla sentenza del tribunale amministrativo toscano che respingere la riduzione delle tariffe per la cremazione decise dall’amministrazione comunale si è concentrata la comunicazione della capogruppo di Pistoia Domani Semplici, che ha ricordato anche come la convenzione per il servizio di cremazione, scaduta nel 2013, non sia ancora stata sanata. “L’amministrazione comunale dimostra ancora una volta la sua incapacità nel fronteggiare procedure di gara” ha concluso la consigliera.

In merito, il sindaco Bertinelli ha ribadito ancora una volta la volontà dell’amministrazione comunale di favorire la cremazione, anche attraverso agevolazioni tariffarie. È stato precisato, inoltre, che gli uffici comunali stanno valutando attentamente le motivazioni della sentenza, per meglio definire le prossime decisioni dell’amministrazione comunale.

L’ultima comunicazione è stata presentata dalla consigliera Pd Breschi e ha riguardato la proposta del governatore Rossi di abolire la libera attività intramoenia. “Non ci rendiamo conto che i cervelli fuggiranno nel privato e che il servizio sanitario ne uscirà dequalificato?”. Sulla necessità di un riordino del sistema si è concentrata la capogruppo di Forza Italia Celesti, che ha ricordato come l’attività intramuraria sia svolta in modo diverso in ogni regione.

Chiuse le comunicazioni, è stata la volta dell’interpellanza di Pistoia Spirito Libero sul bando di gara per la concessione dei servizi di gestione, accertamento e riscossione dell’imposta sulla pubblicità, e modo in particolare sulle tutele occupazionali per l’organico del concessionario uscente (sei unità). Il consigliere Betti ha chiesto all’amministrazione chiarimenti in merito alla cosiddetta “clausola sociale”, finalizzata a consentire la stabilità occupazionale del personale impiegato.

A tale proposito, l’assessore Palagi ha evidenziato che la formulazione adottata dal Comune ha inteso dare ai partecipanti alla gara una indicazione di carattere tecnico precisando che, per una adeguata ed efficiente gestione amministrativa e tecnica del servizio, il numero minimo di personale da impiegare nella sede locale è, complessivamente, di almeno quattro persone. Il capitolato ha contestualmente previsto di attribuire un punteggio al progetto tecnico di gestione che impiegherà nell’ufficio locale un numero di persone superiore a quello indicato. È stato, inoltre, chiarito che, in un regime di concessione e non di appalto, il rischio d’impresa è a carico del concessionario che pertanto deve avere piena libertà nella gestione del servizio.

La procedura di gara, ha sottolineato l’assessore, è impostata in modo tale da prendere in considerazione tre fattori, ossia quello occupazionale, la garanzia e la continuità del servizio, la qualità e la produttività dello stesso.

La tutela dell’occupazione deve essere il primo obiettivo da perseguire, ha precisato in chiusura il consigliere Betti “per questo ci auguriamo che non vengano meno gli attuali posti di lavoro”.

[balloni – comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento