pistoia. NUOVI VIVAI, SCONTRO NEL PD

Vivai a Pistoia
Vivai a Pistoia

PISTOIA. Nei giorni scorsi abbiamo assistito ad un vero e proprio tourbillon di prese di posizione contraddittorie e contrapposte all’interno del Pd pistoiese sul tema dell’espansione dei vivai, soprattutto nelle aree collinari; uno scambio di vedute interpretato da molti come l’inizio delle ostilità per il rinnovo del consiglio comunale di Pistoia nel 2017.

In breve: il Comune di Pistoia esce con una nota subito letta come un no all’espansione dei vivai.

Nei giorni successivi il segretario provinciale Pd Riccardo Trallori, il consigliere regionale Massimo Baldi e gli onorevoli Caterina Bini e Edoardo Fanucci, hanno invitato a rivedere la propria posizione la Giunta comunale, prontamente difesa dal capogruppo in Comune Giovanni Sarteschi con citazioni da un documento del 2013 nel quale, in pratica, si dichiara genericamente la più che ovvia esigenza di coniugare la necessità di rispettare l’ambiente e la salute con lo sviluppo di un settore così trainante per l’economia cittadina. Trallori ha anche invocato l’intervento della Provincia (!) e degli altri comuni interessati.

Onestamente non ci capiamo più nulla: vorranno spiegarci qual è la posizione ufficiale del Pd pistoiese in merito?

Intanto il Cespevi (Centro sperimentale del vivaismo), organismo assolutamente meritorio che deve nascita e sviluppo a persone di grande spessore nell’ambito del vivaismo pistoiese, come Eugenio Ciuti, rischia la liquidazione definitiva, per cui è assolutamente da assecondare l’iniziativa di un gruppo di vivaisti e delle associazioni di categoria per salvarlo.

[cipes – pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento