pistoia. STRAGE DI VIA FANI, LA CERIMONIA PER NON DIMENTICARE

Cerimonia strage di via Fani

PISTOIA. Per il trentanovesimo anniversario della strage di via Fani a Roma, dove fu rapito l’onorevole Aldo Moro e persero la vita cinque uomini della scorta, si è svolta stamani sul lato della chiesa di San Francesco che si affaccia su Corso Gramsci una cerimonia con la deposizione di corone di alloro al monumento “Memoria storica”, progettato da Giovanni e Giampiero Bassi.

Vi hanno preso parte l’assessore al bilancio e patrimonio del Comune di Pistoia, Giuliano Palagi, il prefetto Angelo Ciuni, il presidente del Centro studi Giuseppe Donati Giancarlo Niccolai, i rappresentanti delle autorità civili e militari e le associazioni combattentistiche.

Erano presenti i migranti ospitati dalla Comunità della parrocchia di Marliana diretta da don Alessandro Carmignani.

All´iniziativa hanno partecipato anche studenti dell’istituto parificato Suore Mantellate, del liceo classico Niccolò Forteguerri e dell’IPSIA A. Pacinotti..

La cerimonia è promossa dal Comitato unitario per la difesa delle istituzioni Repubblicane e dal Centro studi Giuseppe Donati.

La mattina del 16 marzo 1978, giorno in cui il nuovo governo guidato da Giulio Andreotti stava per presentarsi in Parlamento per ottenere la fiducia, l´auto che trasportava Aldo Moro dalla sua abitazione alla Camera dei deputati fu intercettata in via Mario Fani da un commando delle Brigate Rosse. I terroristi uccisero i due carabinieri a bordo dell’auto di Moro (Domenico Ricci e Oreste Leonardi) e i tre poliziotti sull´auto di scorta (Raffaele Jozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi) e sequestrarono il presidente della Democrazia Cristiana. Dopo una prigionia di 55 giorni il corpo di Aldo Moro fu ritrovato il 9 maggio nel cofano bagagli di una Renault 4 a Roma, in via Caetani.

[daniele – comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento