pistoia. «TUTTI INDAGATI», LA GRANDE BUFALA SMENTITA DA CANESSA?

Bertinelli in conferenza
Bertinelli in conferenza

PISTOIA. Nessun fascicolo penale nei confronti del sindaco Bertinelli e della sua giunta. Nessuna informazione di garanzia è stata consegnata ai “presunti indagati”. Niente di niente. Solo l’apertura di un fasciolo per “violazione del segreto d’ufficio”.

Questo è quanto ha detto il primo cittadino, con tono deciso, seppure con velato rammarico, alla stampa oggi pomeriggio, 4 agosto, nella sala Gonfalone del Palazzo comunale, in riferimento alla notizia fresca di stamattina uscita su La Nazione di Pistoia e sbattuta a grandi dimensioni (con tanto di foto di sindaco e assessori) sulle civette di ogni edicola.

“Il sindaco di Pistoia, Samuele Bertinelli, del Pd, è indagato assieme a tutti e cinque gli assessori della sua giunta di centrosinistra e ad alcuni dirigenti del municipio nell’ambito di un’inchiesta sulle nuove assunzioni a Palazzo di Giano” scrive La Nazione. Si fa anche il nome di Simone Ferretti, capo di gabinetto, Annarita Settesoldi, un dirigente dell’urbanistica di Palazzo Vecchio e uno del Comune di Scandicci.

E ancora: “I magistrati ipotizzano, anche se non per tutti gli indagati (sedici, in tutto, seppur in posizioni differenti), l’associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, la concussione, l’abuso d’ufficio, il falso”.

Accuse pesanti, dunque, che il primo cittadino dice di aver appreso solo questa mattina dal quotidiano locale. E a scardinare la bufala non è solo Bertinelli.

Conferenza stampa. 1
Conferenza stampa. 1

A dare precisazioni in merito è proprio Il Procuratore della Repubblica del Tribunale di Pistoia Paolo Canessa che scrive in una nota indirizzata alla segreteria del primo cittadino e resa pubblica: “In relazione alla notizia di indagini in corso a carico dei componenti della giunta del Comune di Pistoia pubblicata sul quotidiano La Nazione, sia nazionale che locale, in data 4 agosto 2016, si precisa che sono in corso accertamenti illeciti di appartenenti all’amministrazione comunale di Pistoia tenuti nell’ambito delle loro rispettive competenze. L’indagine ha tratto origine da dichiarazioni di persone informate sui fatti raccolte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Pistoia ai quali sono stati richiesti specifici approfondimenti tuttora in corso”.

“Non sono state emesse informazioni di garazia – continua la nota –. A seguito di detta pubblicazione è stato aperto un procedimento per violazione del segreto d’ufficio”.

Parole dunque che si commentano da sole.

“Non farò la solita litania che caratterizza questi avvenimenti – ha esordito il primo cittadino – solo precisazioni. Sono sicurissimo di ogni atto da me compiuto: li conosco tutti alla perfezione e do per scontata la loro legalità. Trovo singolare che io debba leggere sul giornale di una presunta indagine su di me e la mia giunta con tanto di parole come ‘Tutti avvisati’. Mi aspetto che La Nazione domani esca con delle scuse nei confronti di tutta l’amministrazione e ringrazio il Procuratore Canessa delle precisazioni fatte. È stata una nota chiarificatrice”.

Conferenza stampa. 2
Conferenza stampa. 2

“I Carabinieri, come ogni altro organo competente, hanno raccolto  la denuncia di alcuni dipendenti e questo è un atto dovuto, ci mancherebbe. Ma scrivere che c’è un’indagine in corso e che io e la giunta siamo stati avvisati è sconcertante. La Nazione verifichi bene le proprie fonti. Oltretutto con tanto di foto ritagliata e aggiustata come in Unione Sovietica”.

“Garantisco che, ci voglia il tempo che ci voglia, questa vicenda sarà chiarita tutta. Intanto segnalerò alla Procura un capogruppo di minoranza che ha detto di essere stato informato quattro giorni fa da una sua dipendente dell’imminente uscita di una notizia shock su me e sugli assessori”.

Forse i cambiamenti dirigenziali fatti subito dopo le elezioni hanno creato dei malumori interni? “Può darsi. Ho sempre agito nell’interesse della collettività. I sindaci passano, le istituzioni restano”.

[Alessandra Tuci]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “pistoia. «TUTTI INDAGATI», LA GRANDE BUFALA SMENTITA DA CANESSA?

  1. Dunque…buona sera Alessandra…mi chiedo…ma non è che La Nazione è un pochino la nazione di quegli altri?….quali altri?…quelli che sono dei loro e quindi i loro peggiori nemici. Quelli rossi come loro ma che rossi di vergogna non diventano mai. Comunque complimenti per la figura di merda . (si può dire merda?….vabbè diciamolo alla francese: merde!)
    Massimo Scalas

Lascia un commento