PISTOIA. VIA DON BOSCO O VIA DELLE ERBACCE?

Su uno dei due marciapiedi non si può neppure camminare
Via Don Boco a Pistoia
Via Don Boco a Pistoia

PISTOIA. Una strada pubblica in cui manca un servizio pubblico essenziale sebbene vi insistano due differenti competenze pubbliche, scusandoci per la ripetizione non casuale! Parliamo di via don Bosco a Pistoia, divisa nella competenza da una rete tra FdS-Ferrovie dello Stato da una parte ed Amministrazione comunale dall’altra, nel tratto che va dall’incrocio con via Ippolito Desideri al passaggio a livello della ferrovia Porrettana.

Una strada di collegamento di un certo rilievo e dunque piuttosto frequentata, attualmente così piena di erbacce da rendere inutilizzabile uno dei due marciapiedi comunali presenti. Il problema deriva dalla vegetazione della parte di FdS, che non venendo fatta tagliare dall’ente ferroviario da circa un anno appunto è arrivata ad invadere la parte comunale.

Quest’ultima comunque non è esente di per sé dalle erbacce, oltre ad avere poca illuminazione pubblica come dichiarano alcuni residenti della zona sostenendo che la sera da circa sei mesi i lampioni funzionano in maniera alterna.

I cittadini avrebbero quindi sollecitato FdS a far tagliare l’erba della propria parte, come provvedeva a fare fino all’anno scorso, circa tre mesi fa una famiglia avrebbe inviato un paio di foto all’ente mostrando la situazione attuale della strada ma non avrebbe ricevuto risposta in merito.

Anche il Comune sarebbe stato contattato riguardo alla questione dell’illuminazione, ma per adesso i tecnici addetti non si sarebbero visti in zona. Si dia una ripulita dalle erbacce in via don Bosco, lo si faccia per i cittadini che pagano i tributi nazionali e locali, lo si faccia anche per la memoria di don Bosco a cui è intitolata la strada!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento