pistoiablues 2016. “THE NATIONAL WALKING WITH SPIDERS”

La copertina del libro
La copertina del libro

PISTOIA. In occasione del Pistoia Blues 2016 che ospiterà martedì 12 luglio il concerto dei “The National”, la presentazione del testi commentati “The National. Walking with spiders” (Arcana edizioni, 2016), con le autrici Letizia Bognanni e Daniela Liucci presso Lo Spazio di via dell’Ospizio alle 18. Sei album in diciassette anni di carriera.

La produzione dei National non si può certo definire soverchiante, ma la regola che la band di Cincinnati si è autoimposta sin dall’inizio – fare dischi quando si ha qualcosa da dire, e questo avviene in media ogni tre anni – è quasi un certificato di qualità.

Perché di cose da dire Matt Berninger, Aaron Dessner, Bryce Dessner, Scott Devendorf e Bryan Devendorf ne hanno molte, moltissime, ed è proprio il loro sguardo su un’America che forse non assomiglia più alla loro generazione, su una way of life dentro cui è difficile rispecchiarsi, su una declinazione degli affetti che lascia per strada ogni smanceria, che li ha resi un punto di riferimento essenziale nella scena indie a stelle e strisce.

Mai come in questo caso, tradurre i testi di una band è un pò tradirli: hanno, infatti, una musicalità, un suono, un colore che deriva dall’essere scritti sempre dopo la musica: reagendo alla melodia e al ritmo Berninger crea parole e immagini, conferendo al racconto e alla storia quella fisionomia particolarissima, inimitabile, che fa dei National una voce unica nel panorama musicale mondiale.

The National
The National

Dall’album omonimo, uscito nel 2001 appena un mese dopo l’attentato alle Torri Gemelle, fino al più recente Trouble will find me (2013), le cui registrazioni iniziarono con il blackout provocato dall’uragano Sandy, questo libro attraversa la produzione del gruppo analizzando il fitto groviglio di simboli, significati e visioni poetiche nascosto in ogni loro testo, appianandone la complessità, spiegando come le loro invenzioni, in fondo, non siano solo sad songs for dirty lovers.

LETIZIA BOGNANNI

Scrittrice e critico musicale, si è laureata in Filosofia e ha frequentato la Scuola Holden. Scrive su «Rockit», «Freequency», «Rumore» e «Soultrotters». Ha pubblicato racconti nella collana Singolari di Liber Aria Edizioni (2012) e nelle antologie Rac-corti. Brevi storie per chi va di fretta (Giulio Perrone Editore, 2008) e The Sleepers. Racconti tra sogno e veglia (Azimut, 2008).

Con il romanzo Ma ci pensi a quanto sei stata fortunata? è stata finalista al premio Il mioesordio 2011. Con Roberta D’Orazio ha pubblicato per Arcana Albe scure. Sguardi sulla cultura Subsonica (2015).

DANIELA LIUCCI

Giornalista e critico musicale, si è laureata in Scienze Politiche ed è stata redattrice dei mensili «Mia-Magazine in Action» e «Girlfriend» e direttore responsabile del web magazine Suitecasemagazine.com.

Collabora con «Marie Claire», «Freequency», «Rumore» e Thereservoirblogs.it. Come traduttrice ha curato Alabama Wildman di Thurston Moore (Leconte, 2005) e L’ultima vacanza di Gil Scott-Heron (Liberaria, 2013). Per Arcana ha scritto Ben Harper. Like A King (2004).

Info: Lo Spazio di via dell’Ospizio, Pistoia. Tel. 057321744.

[comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento